QR code per la pagina originale

Ma AdSense è davvero redditizio?

,

Di questi tempi il web offre i più disparati modi di ottenere visibilità e richiamare l’attenzione delle nicchie più particolari. Abbiamo a disposizione tantissimi mezzi per raggiungere il pubblico desiderato e i marketer si danno continuamente battaglia per “bombardare” i visitatori dei propri siti.

Tuttavia, la storia di Internet ci racconta come gran parte dei mezzi di pubblicità online nel tempo abbia perso sempre più la sua efficacia, facendo imboccare ai ritorni sugli investimenti un trend decrescente.

Tra i mezzi pubblicitari attuali tanto discussi (e che sarà oggetto di critica in questo post) c’è l’amata/odiata Rete dei Contenuti di Google (AdSense) dove è possibile pubblicare il proprio annuncio testuale che verrà visualizzato tra i siti “affiliati”.

A tal proposito, ho appreso dal TagliaBlog che la metà dei click fatti sugli annunci AdSense sono ad opera del solito 6% di utenti. Questo dato risulta ancor più significativo tenendo conto che:

  • questo 6% si riferisce a persone dai 25 ai 44 anni, il cui utilizzo della rete non è proporzionato alla spese fatte online;
  • questo target (denominato Heavy Clicker) sembra non convertire molto quando fa click sugli annunci AdSense.

Avendo avuto l’occasione di vedere più volte con i miei occhi il rapporto che un navigatore, appartenente a tale segmento, ha con questo tipo di pubblicità mi sento di affermare che:

  • è probabile che molti dei click siano fatti senza la consapevolezza di essere poi dirottati su una pagina pubblicitaria (lo si capisce dopo, abbandonando il sito);
  • quando la pubblicità è riconosciuta, molte volte è associata a prodotti di scarsa qualità;
  • sembra inoltre che ospitare questo tipo di annunci possa provocare danni di immagine al sito ospitante.

Nonostante siano state fatte numerose riflessioni sull’efficacia di AdSense come metodo promozionale, vorrei riaprire il dibattito.

Oggi come oggi, offrireste ad un vostro cliente una strategia basata su AdSense? Qualcuno ha mai ottenuto risultati interessanti in termini di ROI?

Al momento, difficilmente utilizzerei parte del budget a disposizione in un progetto… ma sono pronto a rivedere le mie ipotesi (soprattutto in virtù dei settori di rifermento), magari pianificando per il futuro qualche esperimento.

E voi?