QR code per la pagina originale

Facebook scippa il top executive di Google

,

Sheryl Sandberg, executive arruolata nelle fila di Google dal 2001, ha annunciato che a fine Marzo lascerà libera la poltrona per trasferirsi in qualità di COO nella sede californiana di Facebook, il fortunato social network di Mark Zuckerberg.

La notizia, riportata dai maggiori quotidiani mondiali, viene data martedì dai portavoce di BigG, e le ripercussioni su Wall Street sono repentine: nella giornata il titolo ha perso 2,7 punti percentuali, le azioni hanno perso 12 dollari e si sono fermate a quota 445.

Ms. Sandberg lavorava a Mountain View come vicepresidente del settore vendite online ed è stata un punto di riferimento per la gestione delle divisioni pubblicitarie dei servizi AdSense e AdWords, nonché protagonista del lancio di Google.org.

David Fisher, suo assistente e vicepresidente del settore, sostituirà la veterana. Facebook è una società piccola ma che sta avendo una crescita vertiginosa. Lo scorso anno Microsoft investì 240 milioni di biglietti verdi per averne l’1,6%. L’obiettivo del nuovo chief sarà aiutare Zuckerberg ad espandere il network e sviluppare una rete pubblicitaria che supporti il valore di 15 miliardi di dollari che ad oggi viene attribuito alla società.

La società di Palo Alto, che ha in attivo 500 dipendenti, ha obiettivi di crescita molto alti. Entro la fine dell’anno prevede il raddoppio delle risorse umane e un significativo incremento dei suoi attuali 66 milioni di utenti registrati.

Uno dei problemi riscontrati è la mala gestione delle strategie pubblicitarie che sono state criticate da più parti e dagli utenti stessi. L’esperienza maturata in sette anni a Montain View sarà messa a disposizione per “costruire un nuovo tipo di advertising network” secondo quanto dichiarato su Forbes dallo stesso Zuckerberg.

Sandberg avrà la supervisione sull’intera strategia della società. La sua sarà l’ultima parola quando si tratterà di decidere in materia di vendite, marketing, sviluppo del business, risorse umane, politiche pubbliche, privacy e comunicazione.