QR code per la pagina originale

Rivolta degli utenti: Digg non si vende

Ha destato molto clamore nella community di Digg l'ipotesi di vendere il portale a Microsoft o Google. Nonostante le smentite del CEO del sito web, da giorni gli utenti si confrontano sul tema con una totale chiusura verso i ventilati rumors di vendita

,

Alcune società nate sul Web paiono sempre in procinto di essere vendute. È il caso di Digg, il network sociale in cui si segnalano e votano i contenuti della Rete, indicato spesso da rumors e indiscrezioni al centro delle velleità di numerosi colossi dell’informatica come Microsoft o Google. Durante la scorsa settimana, le voci di una acquisizione sempre più probabile e imminente hanno messo in subbuglio gli agguerriti utenti del portale.

Per tranquillizzare gli animi, Jay Adelson, amministratore delegato di Digg, ha rinunciato ai tradizionali “no comment”, intervenendo direttamente sul blog dell’aggregatore per smentire l’ennesima voce su una possibile acquisizione della sua società. «Generalmente la nostra politica è quella di non commentare notizie come questa, ma le voci su una possibile guerra al rialzo tra Microsoft e Google hanno creato un tale clamore da spingerci a comunicare a tutti voi direttamente quanto siano completamente imprecise» scrive nello scarno comunicato Adelson.

Le rassicurazioni dell’amministratore delegato di Digg hanno allentato la tensione nella comunità estremamente attiva ed eterogenea del portale. I commenti alla notizia di una possibile acquisizione da parte di Microsoft o Google testimoniano il particolare attaccamento degli utenti al loro aggregatore di notizie e contenuti. «Cancellerò il mio account e non tornerò mai più qui»; «Se Microsoft dovesse acquistare il sito, non perdete un attimo e create subito la funzione “cancella il tuoi account”»; «Se fosse vero, Kevin non lasciare Digg in mano a queste grandi società. Ciò che rende Digg così particolare e divertente è il fatto che sia indipendente. Questa non è una buona idea» sono solo alcuni delle centinaia di commenti lasciati dagli utenti del portale alla ventilata ipotesi di una cessione di Digg.

Secondo i rumors, smentiti poi dal CEO Kevin Adelson, Google avrebbe intenzione di acquisire il sito Web per 200 milioni di dollari, mentre Microsoft punterebbe a un’offerta al rilancio con 225 milioni di dollari: l’interesse di Google sarebbe in buona parte rappresentato dalla anelata rimozione degli accordi promozionali che oggi portano l’utenza Digg sulle inserzioni Microsoft; viceversa Microsoft vorrebbe tutelare questo patrimonio e sarebbe dunque pronta all’asta. Ma l’ostacolo più grande alla cessione potrebbero proprio essere le resistenze dell’attiva comunità degli utenti di Digg, prima grande risorsa del gruppo.