QR code per la pagina originale

Apple rilascia Safari 3.1

E' online la nuova versione di Safari, il browser sviluppato da Apple. Compatibile con HTML5 e le nuove soluzioni per CSS, l'applicativo sembra sbaragliare la concorrenza in termini di velocità. Aggiornamenti anche sul fronte della sicurezza per Mac OsX

,

Dopo una fase di test relativamente lunga, Apple ha da poco rilasciato una nuova versione del suo browser Safari. L’applicativo per navigare in Rete sviluppato dai tecnici di Cupertino passa dunque alla edizione 3.1 ed è disponibile sia per i sistemi operativi Windows che per OsX. Messo a disposizione sul suo sito web, Apple non esita a etichettare il proprio browser come il più veloce strumento per la navigazione online al mondo.

Numerose le novità introdotte con la nuova versione di Safari, orientate principalmente a migliorare la compatibilità dell’applicativo con i nuovi sistemi di codifica del Web. La versione 3.1 del browser supporta ora il linguaggio di programmazione HTML5 ed è in grado di gestire con più efficacia i nuovi tag legati ai contenuti audio e video. Gli sviluppatori di Cupertino hanno poi prestato particolare attenzione ai fogli di stile, introducendo il supporto per le animazioni CSS e i Web Fonts. Stando alle dichiarazioni di Apple, Safari sarebbe il primo browser ad essere pienamente compatibile con queste nuove soluzioni.

Come per le versioni precedenti, il punto di forza di Safari sembra essere ancora una volta la velocità di elaborazione delle pagine Web. Secondo i dati forniti da Cupertino, il browser della mela caricherebbe ogni pagina a una velocità quasi doppia (1,9) rispetto a Internet Explorer 7 e 1,7 volte più rapidamente di Firefox 2. Safari sarebbe inoltre in grado di gestire i JavaScript con una velocità sei volte superiore rispetto alla media dei browser maggiormente diffusi.

Sempre nella giornata di ieri, Apple ha anche rilasciato un aggiornamento di sicurezza per i suoi sistemi operativi Mac OsX consumer e Server. La patch rilasciata, il cui “peso” oscilla tra i 50 e i 108Mb, pone rimedio a numerosi bug riscontrati in questi ultimi mesi. L’upgrade scongiura principalmente la possibilità di esecuzione di codice non autorizzato da parte di utenti malintenzionati e pone rimedio ad alcuni errori nella compatibilità degli applicativi. L’aggiornamento, automatico via “Preferenze di Sistema” o manuale attraverso il sito Web di Apple, è naturalmente consigliato a tutti gli utenti Mac.