Apple e l’accordo di revenue sharing con le major

Apple è in procinto di finalizzare degli accordi con le principali major, in particolare con Universal Music Group, per dividere i ricavati delle vendite dei propri dispositivi digitali corredati di una serie di brani (protetti da copyright) della suddetta etichetta. La notizia corre su alcuni blog americani e riportata anche dalla testata americana Financial Times

Apple è in procinto di finalizzare degli accordi con le principali major, in particolare con Universal Music Group, per dividere i ricavati delle vendite dei propri dispositivi digitali corredati di una serie di brani (protetti da copyright) della suddetta etichetta.

La notizia corre su alcuni blog americani e riportata anche dalla testata americana Financial Times sebbene ancora non confermata dalla Apple. L’obiettivo è quello di far pagare un extra sul dispositivo in cambio di brani coperti dal diritto d’autore.

In effetti, il modello di business intrapreso da Apple sembra ricalcare quello di Nokia (che offrirà, a quanto pare, circa 80 dollari per dispositivo al partner contro i 20 dollari di Apple).

Si profila dunque una guerra tra il colosso della telefonia e la Apple. Quale strategia utilizzeranno per accaparrarsi più clienti?

Sarà più valida la strategia che vorrebbe seguire Apple di un canone di 7/8 dollari mensili per usufruire della musica oppure quello del competitor che vede più di buon occhio il pagamento di una tantum per uso illimitato dei brani?

I Video di Webnews

Da Google un’IA che distingue le voci nei video

Ti potrebbe interessare
Nook Color diventa un tablet con Android 2.2 e uno store
Google

Nook Color diventa un tablet con Android 2.2 e uno store

Barnes & Noble sta distribuendo un corposo e davvero interessante aggiornamento per il Nook Color, che permette all’eBook reader da 7 pollici di diventare un vero e proprio tablet, grazie all’arrivo di Android 2.2 Froyo, supporto Flash e uno store per l’acquisto delle applicazioni denominato Nook Apps.

Keyboardr, homepage per ricerche fulminee
Web e Social

Keyboardr, homepage per ricerche fulminee

Dopo Netvibes, Navigaya e moltissimi altri, parliamo oggi di una homepage essenzialistica ma molto particolare, Keyboardr. Keyboardr è un metamotore che rende veloce una qualunque ricerca (basata sui dati affidabili di colossi come Google, Wikipedia e YouTube) riguardo determinate parole chiave, poiché fornisce immediatamente i risultati e consente altrettanto rapidamente di passare ai risultati di

Storia della Fotografia (introduzione)
Imaging

Storia della Fotografia (introduzione)

Era il 350 a.C. quando Aristotele nei suoi ?Problemata’ parlò per la prima volta della sensibilità alla luce di alcune sostanze; era il 1515 d.C., invece, quando Leonardo Da Vinci descrisse il funzionamento della camera oscura, il punto di partenza di tutta la tecnica fotografica. Sono stati questi i due momenti fondamentali nel corso della

Il futuro di Google sarà in parte offline
Web e Social

Il futuro di Google sarà in parte offline

Apps e Docs, i pacchetti per la produttività offerti da Google sono delle ottime risorse, ma hanno il difetto di funzionare solamente quando si è connessi alla Rete. O meglio, funzionavano solo quando si era online. Google ha, infatti, deciso di assecondare le numerose richieste giunte dai suoi utenti, rendendo fruibili i suoi applicativi anche