QR code per la pagina originale

Chi c’è dietro il codice Linux?

La Linux Foundation ha pubblicato un interessante documento che, passando per numeri e percentuali, rende merito alla mole di contributi che provengono da privati e aziende per far crescere il kernel. E si scopre che c'è chi fa molto più di Torvalds

,

La Linux Foundation, l’organizzazione preposta alla gestione dello sviluppo del kernel omonimo, ha pubblicato un esaustivo documento che illustra alcuni dati statistici riguardanti lo sviluppo del kernel negli ultimi anni.

I primi dati che colpiscono l’occhio riguardano i cambiamenti che il codice del kernel ha ricevuto tra i vari rilasci stabili, con il valore massimo raggiunto dalla release 2.6.24, l’ultima versione stabile rilasciata (la statistica conta solo le modifiche che hanno portato ad un kernel effettivamente compilabile e funzionante). La versione 2.6.24 ha anche staccato le precedenti per numero di sviluppatori coinvolti: calcolando solo le mani che hanno modificato il kernel dopo il rilascio 2.6.23, si è raggiunta la cifra record di 1057 contributori. Allargando la visuale agli sviluppatori più attivi negli ultimi tre anni, si trovano nomi noti alla comunità opensource, tra cui Andrew Morton, Alan Cox, Ingo Molnar e ovviamente Linus Torvalds che però è solo ventisettesimo.

Lo sviluppatore più attivo è stato Al Viro con 1571 interventi, più del triplo rispetto al papà del kernel che invece si è fermato a 495. Tenendo comunque presente che si tratta di un semplice conteggio che non tiene conto di eventuali contributi più o meno corposi, si può notare che gli sviluppatori non siano molto rilevanti se presi singolarmente: nessuno da solo ha contribuito per più del 2% (percentuale sul numero di cambiamenti, non sulle righe totali del kernel) e solo i primi dieci riescono a superare l’1%. Inoltre molti degli sviluppatori più impegnati sono anche responsabili di testare e approvare le patch che vengono inviate da tutto il mondo: questo tipo di impegno spinse anni fa lo stesso Torvalds a sviluppare un nuovo sistema di revisione delle versioni, chiamato Git e tuttora usato, che semplificasse la gestione dei contributi provenienti da così tante fonti. Considerando però la mole del progetto e la varietà della partecipazione, il numero di sviluppatori più attivi appare comunque ristretto: i primi dieci hanno contribuito per circa il 15% del totale, percentuale che arriva al 30% calcolando i primi trenta.