La grande fuga da Advanced Micro Devices

Advanced Micro Devices, azienda leader nella produzione di chip, perde il suo terzo senior executive in meno di un anno. A Settembre e a Giugno la società californiana aveva perso rispettivamente, Henri Richard, capo delle vendite, e David E. Orton, capo dell’unità grafica. Venerdì ad abbandonare la poltrona è stato Phillip D. Hester che a

Advanced Micro Devices, azienda leader nella produzione di chip, perde il suo terzo senior executive in meno di un anno. A Settembre e a Giugno la società californiana aveva perso rispettivamente, Henri Richard, capo delle vendite, e David E. Orton, capo dell’unità grafica.

Venerdì ad abbandonare la poltrona è stato Phillip D. Hester che a 52 anni ha preferito trasferire le sue competenze al servizio di un’altra società.

La fuga di cervelli da Sunnyvale, head quarter della compagnia, trova una spiegazione nell’andamento negativo di cui ha sofferto A.M.D. negli ultimi tempi. Solo due anni fa, A.M.D. godeva di ottima salute: nel quarto trimestre possedeva il 25 percento del mercato. Poi, nel 2007, il ritardo nel lancio del nuovo chip chiamato Barcelona, costrinse la società a tagliare i prezzi per competere con i nuovi prodotti di Intel.

Il ritardo e l’interruzione della produzione di Barcelona a causa di problemi tecnici, furono causa della perdita del 2 percento del mercato.

La dura concorrenza con Intel, cinque trimestri consecutivi in perdita, ed uno scivolone in borsa di 63 punti percentuali nel corso dell’anno passato, hanno decisamente influenzato la decisione dei tre executive.

La compagnia ha inoltre annunciato che i dati del primo trimestre 2008 sono al di sotto delle aspettative degli analisti e che, per correre ai ripari, l’amministrazione ha previsto il taglio del 10% della forza lavoro, 1.650 posti di lavoro.

Ti potrebbe interessare
Vodafone chiede regole certe per la rete
Prezzi e tariffe

Vodafone chiede regole certe per la rete

Si fa un gran parlare in questi mesi del tema della neutralità della rete e se Internet debba in qualche modo essere regolato da leggi precise. Su questo argomento si è discusso parecchio di recente anche nel corso del primo G8 di Internet voluto dal presidente della Francia Nicolas Sarkozy. Su questo tema spinosissimo ci

Windows Phone 7 Series: uno sguardo alle linee guida di sviluppo
Google

Windows Phone 7 Series: uno sguardo alle linee guida di sviluppo

Dopo la presentazione in pompa magna al Mobile World Congress di Windows Phone 7 Series di Microsoft, eravamo rassegnati a dover attendere quantomeno il MIX 2010 per saperne qualcosa in più. Fortunatamente, i ragazzi di XDA-Developers, sono riusciti a mettere le mani su tre documenti ufficiali che danno una idea un po’ meno vaga di

Ridotto il prezzo dei brani DRM-free
Apple

Ridotto il prezzo dei brani DRM-free

Ars Technica lo aveva segnalato: il prezzo dei brani DRM-free, disponibili su iTMS-PLUS sarebbe calato.Effettivamente, ieri, Steve Jobs, prima dalle pagine di Wall Street Journal, poi con un comunicato stampa, ha annunciato la modifica del prezzo di questi brani: mentre inizialmente costavano 1,29$, ora il loro prezzo è stato abbassato a 99 centesimi (come quelli

iPod Shuffle con lo schermo: made in Cina!
Gadget e Device

iPod Shuffle con lo schermo: made in Cina!

Abbiamo già parlato delle copie dei lettori Apple e dopo la clonazione dell’ipod nano, ecco arrivare dal sol levante l’ipod Shuffle.Il nuovo nato deve confrontarsi subito con le imitazioni che (almeno in questo caso) sembrano anche migliori dell’originale.La Cina, che di clonazione se ne intende, ha sbeffeggiato la melina riproducendo fedelmente il lettore. Non si