Audial Hub, il convertitore audio universale

Se conoscete e apprezzate iSquint e VisualHub, i noti convertitori video, sicuramente non vi dispiacerà il nuovo prodotto di Techspansion: AudialHub, il convertitore audio universale per Mac.AudialHub può convertire praticamente ogni tipo di file audio, ma anche estrarre (ed eventualmente ricodificare) l’audio incluso nei file video il tutto in tre semplici passaggi: trascinate il vostro

Se conoscete e apprezzate iSquint e VisualHub, i noti convertitori video, sicuramente non vi dispiacerà il nuovo prodotto di Techspansion: AudialHub, il convertitore audio universale per Mac.

AudialHub può convertire praticamente ogni tipo di file audio, ma anche estrarre (ed eventualmente ricodificare) l’audio incluso nei file video il tutto in tre semplici passaggi:

  1. trascinate il vostro file nella finestra principale;
  2. scegliete il formato in cui convertire;
  3. cliccate su start.

Ora potreste pensare che il funzionamento sia troppo semplice e di conseguenza il programma sarà un tantino limitato… nulla affatto. Il programma dispone di una serie di impostazioni avanzate che permettono di regolare il processo di encoding secondo i propri gusti.

AudialHub supporta molti più formati di quelli consentiti da iTunes: AAC, MP3, WMA, AIFF, WAV, Apple Lossless, 3G (per i cellulari), Ogg Vorbis, FLAC, inoltre è permette di masterizzare direttamente CD Audio o MP3.

Uno dei grandi vantaggi di questo software è di essere stato progettato come un batch converter, particolarmente adatto, quindi, alla codifica di massicci gruppi di file; ne è una prova l’opzione che permette (tra le altre cose) di spegnere il computer al completamento del compito assegnato.

L’elenco completo delle caratteristiche (tra le quali il supporto dei tag e del sistema di notifiche di Growl) è disponibile sul sito; qui mi limito a segnalare che il programma non supporta i file protetti dal DRM di iTunes (si salvano quindi quelli acquistati tramite iTunes Plus).

AudialHub costa 18,81$ ed è possibile scaricare una versione trial (del peso di 4,4 MB), completamente funzionante ma che converte solo il primo minuto di ogni file. Richiede Mac OS X 10.4.11 o successivo.

Ti potrebbe interessare
Trucco: aggiungere cartelle al Dock
Apple

Trucco: aggiungere cartelle al Dock

Il Dock di Tiger è un punto di riferimento per gli utenti Mac.Questo trucco permette di aumentarne l’utilità trasformandolo in un vero e proprio menù.Nell’immagine presente in questo post vediamo come la cartella accanto al cestino sia un menù contenente tutte le applicazioni presenti nell’omonima cartella. In questo modo possiamo avere a portata di mouse