QR code per la pagina originale

Con Powerset la ricerca diventa intelligente

Powerset offre un approccio nuovo alle ricerche sul Web indicizzando il materiale non più solamente per parole chiave, ma interpretandone il significato. Limitato al momento solo al materiale su Wikipedia, permette di effettuare vere e proprie domande

,

Powerset rappresenta il primo passo verso una nuova generazione di motori di ricerca in grado di effettuare l’analisi semantica di quanto gli utenti inseriscono all’interno delle query di ricerca. Powerset mostra oggi come la tecnologia sia in grado non solo di migliorare le ricerche rendendole più ‘umane’, ma anche di offrire nuove modalità per navigare attraverso le informazioni ottenute.

Al momento il motore offre accesso solamente al materiale presente all’interno dell’archivio di Wikipedia, aggiungendo informazioni estrapolate dal database di Freebase e indicizza solamente le pagine in lingua inglese. L’enciclopedia libera rappresenterebbe nelle intenzioni della società solamente un banco di prova per la tecnologia alla base del progetto; Powerset sembra infatti intenzionata ad estendere presto la ricerca ad altri portali le cui informazioni possono essere organizzate sotto forma di domande e risposte.

Powerset presenta semplicemente una vistosa casella all’interno della quale effettuare la propria ricerca, ma è l’approccio con lo strumento ciò che veramente contraddistingue lo strumento: anziché inserire semplici parole chiave o loro combinazioni, l’utente può inserire delle vere e proprie frasi, digitando semplicemente le domande alle quali si desidera avere risposta. Powerset infatti non indicizza le pagine semplicemente in un’ottica di parole chiave, ma cerca altresì di interpretarne i contenuti. Diviene così possibile porre interrogativi quali ad esempio: “Quante persone sono state evacuate da New Orleans durante l’uragano Katrina?”, “Quali sono gli ingredienti della birra?”, oppure “Chi è Thomas Edison?”. Grazie alla tecnologia alla sua base, il motore è in grado di fornire risposte esaurienti anche nel caso la query di ricerca non contenga parole che combaciano con le cosiddette keyword, cercando di alienare la domanda al significato delle informazioni archiviate.