Intel Atom dual-core, potenza e consumi ridotti

Intel non ha intenzione, a quanto pare, di accontentarsi ed è pronta a spingere la sua linea di prodotti Atom in modo sempre più convincente. Punti di forza delle nuove CPU, che ricordiamo essere destinate principalmente a Mobile Internet Device e Ultra Mobile PC ma che troveranno applicazione anche su home server e su dispositivi

Intel non ha intenzione, a quanto pare, di accontentarsi ed è pronta a spingere la sua linea di prodotti Atom in modo sempre più convincente. Punti di forza delle nuove CPU, che ricordiamo essere destinate principalmente a Mobile Internet Device e Ultra Mobile PC ma che troveranno applicazione anche su home server e su dispositivi a basso consumo in genere, i consumi particolarmente ridotti, un bassissimo TDP e un prezzo particolarmente contenuto.

Stanno arrivando sul mercato i primi dispositivi con CPU Intel Atom 1,6GHz single core e la concorrenza affila già le armi per prepararsi allo scontro. Via è pronta a lanciare il suo core Isaiah, che sulla carta dovrebbe avere prestazioni 3-4 volte superiori a C7 e nVidia che ancora non ha messo del tutto le sue carte in tavola.

Stando alle ultime voci, Intel, per fermare sul nascere le speranze di riscossa di Via e nVidia, sarebbe intenzionata ad arrivare sul mercato con un Atom dual core, già dal terzo trimestre di quest’anno. La CPU sarà caratterizzata da una frequenza operativa di 1.6GHz e dalla presenza dell’HT che permetterà di gestire fino a 4 thread contemporaneamente.

Tra le altre novità, il raddoppio della cache di secondo livello, che passa a 1MB, e il raddoppio del TDP che arriva a 8 watt.

Ti potrebbe interessare
Sale l’IVA al 21%, ma quanto inciderà sull’high tech?
Prezzi e tariffe

Sale l’IVA al 21%, ma quanto inciderà sull’high tech?

Tutti in questi giorni stiamo seguendo con attenzione l’evoluzione della manovra economica proposta dal Governo e tutti abbiamo appreso come uno dei punti più importanti della nuova finanziaria sia l’aumento dell’IVA al 21%. Questo incremento di un punto percentuale preoccupa molto gli imprenditori del settore IT perché potrebbe andare a pesare notevolmente sui listini dei