Tranquil PC annuncia una linea Home Server con Intel Atom

Tranquil PC, nota azienda inglese, è la prima ad aver annunciato una nuova linea di home server dotata di processori Intel Atom.Gli home server realizzati da Tranquil PC, sono dedicati a un’utenza domestica, per condividere file all’interno di piccole reti casalinghe. Inizialmente dotati di processori VIA C7, adotteranno ora il nuovo processore Intel Atom 230

Tranquil PC, nota azienda inglese, è la prima ad aver annunciato una nuova linea di home server dotata di processori Intel Atom.

Gli home server realizzati da Tranquil PC, sono dedicati a un’utenza domestica, per condividere file all’interno di piccole reti casalinghe. Inizialmente dotati di processori VIA C7, adotteranno ora il nuovo processore Intel Atom 230 a 1.6GHz. Il passaggio alle nuove CPU, permetterà di abbattere i consumi e ridurre il calore generato rientrando nei 30 watt di assorbimento e non richiedendo ventole per il raffreddamento dei componenti.

Due i modelli che verranno commercializzati: T7-HSAi e T2-WHS-A3i, entrambi dotati della medesima CPU Atom a 1.6GHz con TDP pari a soli 4 watt. Stando a quanto dichiarato da Tranquil PC, i nuovi processori permetteranno performance 3 volte superiori a quelle fatte registrare dai C7/CN700 a 1,5 GHz.

T7-HSAi potrà funzionare in abbinamento a un disco da 3.5″ o due da 2.5″ mentre il modello più grande T2-WHS-A3i permetterà di collegare fino a 2 dischi da 3.5″. Immancabile la connettività ethernet e due porte USB 2.0 mentre la dotazione di memoria sarà di 512MB o 1GB.

Il prezzo del T7, con sistema operativo Windows Home Server e hard disk da 500GB, sarà di 350? mentre il modello T2, con la medesima configurazione, costerà 375?.

Ti potrebbe interessare
Facebook ha un nuovo logo
Facebook

Facebook ha un nuovo logo

Facebook ha ridisegnato il logo, scegliendo una font più giovanile: la spiegazione ufficiale è che non hanno più bisogno di ottenere credibilità.

Mark Zuckerberg in Cina, ma non per Facebook
Web e Social

Mark Zuckerberg in Cina, ma non per Facebook

L’uomo dell’anno Mark Zuckerberg è in visita nel paese della Grande Muraglia. Non si poteva forse immaginare un incontro più denso e delicato per questo 26enne, al quale evidentemente non manca il coraggio, oppure manca un buon ufficio stampa. Perché i giornali americani lo stanno seguendo e pungolando di continuo: che ci fa l’inventore di

Il futuro del Web: tra 2.0, semantica e Web 3
Web e Social

Il futuro del Web: tra 2.0, semantica e Web 3

Che cosa ci aspetta dopo il 2.0? L’altro giorno pensavo a quante rivoluzioni questo fenomeno abbia portato e come sia attualmente abbastanza difficile comprenderlo nel suo pieno sviluppo.Ma il futuro cosa ci riserva?Se con il 2.0 si sono modificati i nessi di produzione e fruizione, che cosa si modificherà al prossimo “step evolutivo”? Meditando sulla

2007, assuefazione da spam
Web e Social

2007, assuefazione da spam

Una ricerca Pew Internet & American Life Project ha evidenziato come con il passare del tempo il forte aumento dello spam non si rispecchi in un proporzionale aumento del fastidio da parte dell’utenza: l’utente, con il tempo, si abitua e sopporta