QR code per la pagina originale

USA: si continua a lavorare sull’ACTA per porre fine alla pirateria

,

ACTA (Anti-Counterfeiting Trade Agreement) è un progetto al quale gli Stati Uniti, insieme a i Paesi dell’Unione Europea, alla Svizzera e infine all’Australia stanno lavorando per introdurre nella rete delle leggi più incisive a difesa del copyright per salvaguardare le casse delle Major, a discapito però della privacy degli utenti.

Internet, se il progetto andrà in porto, rischierà di diventare uno “stato di polizia”.

Il progetto è in lavorazione da almeno un anno, e sono stati chiamati in causa diversi proprietari e detentori del diritto d’autore internazionale. Le associazioni del settore e di categoria, le biblioteche, gli educatori, le altre rappresentanze sociali non sono state nemmeno in minima parte chiamate in causa nè considerate.

Principale scopo di ACTA è quello di regolamentare la tutela del diritto d’autore a livello globale, mediante l’inasprimento delle relative sanzioni.

Naturalmente se ciò avvenisse, si correrebbe il rischio di fare di tutta l’erba un fascio, ovvero l’utente che privatamente condivide una canzone sarebbe paragonato a coloro i quali, grazie all’incontrollato e smisurato download di file illegali, mettono in piedi delle vere e proprie organizzazioni criminali aventi dei bilanci finanziari sempre attivi.

Altro elemento da non sottovalutare è rappresentato dal fatto che la presunzione di violazione del copyright comporterebbe una violazione della privacy dell’utente. Il progetto mira a dotare la Polizia che opera nel Web, di nuovi strumenti legislativi e non, al fine di accrescere i suoi poteri per dimostrare l’avvenuta violazione del diritto d’autore mediante programmi di file sharing e reti peer to peer. ACTA prevede inoltre una limitazione tecnologica del circuito P2P per ciò che concerne la ricerca dei file con estensione “.torrent”.

In poche parole, sembra che il progetto abbia lo scopo di tutelare non il copyright ma bensì la ricchezza delle Major, a discapito della libertà degli utilizzatori della Rete.