QR code per la pagina originale

Le statistiche sulla navigazione mobile di Opera

,

Analizzando le statistiche aggregate dei suoi 44 milioni di utilizzatori nel mondo, Opera ha pubblicato lo State of the Mobile Web, un interessante report che fotografa le abitudini dei mobile surfer.

Spulciando tra queste statistiche, si scopre come circa il 40% del traffico mondiale sia destinato ai social network. MySpace, Peperonity, Facebook, Baidu e molti altri, sia nelle loro versioni full, che in quelle ottimizzate per piccoli schermi. In alcuni paesi, come gli Stati Uniti, il Sud Africa e l’Indonesia, questa percentuale tocca addirittura picchi del 60%.

Altro dato interessante riguarda la tendenza alla navigazione in Web full, cioè su computer desktop, che viene stimata al 77% del totale, e quella da dispositivi mobili, su siti ottimizzati per piccoli schermi, che si attesterebbe al restante 23%.

Passando poi ai risultati per paese (dove il nostro non è contemplato), si scopre chi usa di più il browser norvegese per fare acquisti online (la Germania, con un 7% del traffico totale), chi fa più uso dei motori di ricerca (la Cina, 55% del traffico), le nazioni più orientate al social network (USA, Indonesia e Sud Africa, più del 60% del totale come dicevamo), quelle più sportive (Ukraina, 61% del traffico totale su siti sportivi) e i più attaccati alle email (Regno Unito, con un 11% di traffico destinato alla consultazione della propria casella di posta Web-based).

Fa riflettere, davvero, che l’Italia, dove la penetrazione di cellulari e smartphone è tra le più alte del mondo, neanche sia presente nel report. Chiaro segno di quanto nel nostro belpaese non si respiri una cultura volta all’innovazione e all’uso della tecnologia. Siete d’accordo?