nVidia risolve il bug dell’nForce 790i

Giusto un mese fa avevamo segnalato la presenza di un bug hardware nel chipset nVidia nForce 790i per processori Intel.Il problema si verificava utilizzando frequenze del chipset e delle memorie DDR3 “fuori specifica”, ovvero in caso di overclock. nVidia ha mantenuto le promesse e ha risolto il bug.Impostando una frequenza di 1600 MHz per il

Giusto un mese fa avevamo segnalato la presenza di un bug hardware nel chipset nVidia nForce 790i per processori Intel.

Il problema si verificava utilizzando frequenze del chipset e delle memorie DDR3 “fuori specifica”, ovvero in caso di overclock. nVidia ha mantenuto le promesse e ha risolto il bug.

Impostando una frequenza di 1600 MHz per il bus di sistema e per le memorie DDR3, installate sulle schede madri basate sull’nForce 790i, in certe condizioni, potevano verificarsi corruzioni dei dati.

nVidia ha ufficialmente annunciato di aver individuato e corretto il problema, rilasciando un aggiornamento del BIOS lo scorso 21 Maggio.

Il consiglio, dunque, è di controllare sui siti Web dei produttori delle vostre schede madri, la presenza di questo aggiornamento.

Ovviamente l’update del BIOS non è necessario se non volete esercitare la pratica dell’overclock che, tra l’altro, non sempre porta a risultati soddisfacenti.

Ti potrebbe interessare
DreamSpark: i tool di sviluppo Microsoft gratis per gli studenti
Microsoft

DreamSpark: i tool di sviluppo Microsoft gratis per gli studenti

Microsoft dimostra spesso una buona attenzione verso gli investimenti destinati agli studenti; in Italia, ad esempio, abbiamo parlato dei Microsoft Innovation Center che hanno già iniziato e continuano la loro attività formativa. Quest’altra iniziativa invece, DreamSpark, è rivolta ad 11 paesi tra i quali purtroppo l’Italia, almeno per il momento, non è inclusa.Si tratta della

Aste al ribasso, colpo di genio del marketing 2.0
Web e Social

Aste al ribasso, colpo di genio del marketing 2.0

In molti hanno sicuramente sentito parlare del fenomeno della aste al ribasso on-line. In estrema sintesi, si tratta di portali (Lowbid.it e Asteclic.com sono alcuni esempi di servizi attivi in Italia), in cui si aggiudica le aste chi offre di meno. Al di là dei meccanismi che si nascondono sotto questo sistema (il fatto che