Barcode Battler, il videogioco a codici a barre

Rilasciato nel 1991, il Barcode Battler era stato creato per concorrere contro le leggendarie console portatili come il Sega Game Gear e il Nintendo Game Boy. Ma a differenza di queste classiche console, il Barcode Battler aveva una grafica scarna e un audio estremamente base che rendeva il tutto un incubo per il videogiocatore.La console

Rilasciato nel 1991, il Barcode Battler era stato creato per concorrere contro le leggendarie console portatili come il Sega Game Gear e il Nintendo Game Boy. Ma a differenza di queste classiche console, il Barcode Battler aveva una grafica scarna e un audio estremamente base che rendeva il tutto un incubo per il videogiocatore.

La console impegnava i giocatori in un gioco di lotta rudimentale. Le lotte non erano mostrate come dei personaggi, neanche come dei piccoli pixel, ma come numeri su uno schermo.

L’idea fondamentale era caricare, attraverso il lettore di schede della console, delle schede con dei barcode incluse nella console o i barcode che si possono trovare sui i prodotti di tutti i giorni.

In questo modo il personaggio del videogiocatore veniva aggiunto al combattimento. Per combattere contro un nemico si doveva caricare un altro barcode.

L’idea in Giappone non dispiaceva e in tanti cominciarono a collezionare i barcode per il Barcode Battler e ritagliare quelli contenuti nei normali prodotti che si possono reperire in un supermercato.

Ma il sogno del produttore Epoch CO. non durò a lungo: il prodotto fu importato in Italia dalla Giochi Preziosi, pubblicizzato ma completamente snobbato dal mercato dello stivale e in quello europeo. In effetti chi voleva giocare con dei numeri?

Ti potrebbe interessare
Advertising addio? L’invertising come modello per il Web2.0
Web e Social

Advertising addio? L’invertising come modello per il Web2.0

Ha ancora senso segmentare il proprio target potenziale secondo i parametri socio-demografici classici? In quali condizioni e quanto è redditizio fare advertising come lo si è fatto finora? Sono alcune delle domande affrontate durante l’ultimo Festival dell’Economia di Trento, nell’incontro “Identità fa rima con pubblicità?”, curato dal Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Trento.

BootCamp e il bug di MacOSX 10.4.11
Apple

BootCamp e il bug di MacOSX 10.4.11

L’ultima versione di Tiger sta dando numerosi grattacapi ad alcuni utenti che hanno la necessità di utilizzare Windows su Mac tramite BootCamp.Dopo l’aggiornamento del sistema, all’avvio del Mac, un messaggio avvisa lo sfortunato utente del fatto che si sono verificati alcuni errori nell’aggiornamento e da quel momento non è più possibile riavviare in Windows.Attualmente l’unica

Approvato il BITSTREAM in Italia
Prezzi e tariffe

Approvato il BITSTREAM in Italia

Il consiglio dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha approvato ieri la delibera con cui si introduce in Italia l’attesissimo Bitstream, che da la possibilità agli operatori di contare su costi di accesso alla rete, più bassi di quelli attuali. La primissima conseguenza sarà sicuramente una maggiore concorrenza, favorita anche dalla possibilità con il Bitstream