Le schede perforate, le nonne delle moderne memorie di massa

Le schede perforate rappresentarono, in assoluto, uno dei primi supporti di memorizzazione di massa e furono usate fino ai tardi anni ’70, successivamente ai quali vennero introdotti i floppy disk e i nastri magnetici.La scheda perforata era un cartoncino avente forma rettangolare, la grandezza era quella di una banconota da un dollaro, diviso in 12

Le schede perforate rappresentarono, in assoluto, uno dei primi supporti di memorizzazione di massa e furono usate fino ai tardi anni ’70, successivamente ai quali vennero introdotti i floppy disk e i nastri magnetici.

La scheda perforata era un cartoncino avente forma rettangolare, la grandezza era quella di una banconota da un dollaro, diviso in 12 righe e 80 colonne.

Ogni carattere memorizzato occupava una colonna e la registrazione veniva fatta perforando o non perforando le caselle della colonna, quindi attribuendo il valore 1 nel primo caso e il valore 0 nel secondo, in poche parole utilizzando il codice binario.

I dati registrati tramite il perforatore di schede potevano esser letti utilizzando un’apposita periferica, per l’appunto il lettore di schede, che per ogni colonna era in grado di riconoscere la sequenza di bit memorizzati in quanto la perforazione o meno della casella generasse un passaggio della luce o una zona d’ombra.

Per ovvi motivi le schede perforate sono state completamente abbandonate, basti pensare al fatto che ogni scheda poteva contenere un massimo di 80 caratteri: per esempio registrare un archivio di un’azienda di medie dimensioni richiederebbe migliaia e migliaia di schede e, oltre a questo, va messa in conto la lentezza del procedimento di registrazione e di lettura che, per altro, richiedevano l’utilizzo di due apparecchi differenti e piuttosto ingombranti.

Certamente la scheda perforata, per i tempi che furono, fu portatrice di innovazione a dimostrazione del fatto che fu usata per più di mezzo secolo fino all’avvento delle più moderne tecnologie di memorizzazione di massa come quelle già citate in precedenza.

Ti potrebbe interessare
Vodafone, 1 milione di fan su Facebook e presto una grande sorpresa
Prezzi e tariffe

Vodafone, 1 milione di fan su Facebook e presto una grande sorpresa

Qualcosa di molto interessante bolle nel calderone di Vodafone Italia per i propri clienti. Il gestore di telefonia mobile ha infatti annunciato con molta soddisfazione di aver raggiunto 1 milione di sostenitori sulla propria pagina Facebook. Traguardo molto importante che Vodafone Italia ha voluto salutare realizzando un video di ringraziamento in cui “apre” le porte

Sony Ericsson annuncia tre nuovi cellulari: Yari, Aino e Satio
Google

Sony Ericsson annuncia tre nuovi cellulari: Yari, Aino e Satio

Sony Ericsson ha annunciato l’arrivo nel proprio catalogo di tre nuovi telefonini: più precisamente si tratta dei nuovi Yari, Aino e Satio. Tre modelli che hanno in comune alcune funzioni quali GPS integrato, compatibilità con il 3G, Bluetooth e slot per l’espansione della memoria.I tre modelli, di cui ancora non si conosce il prezzo, saranno

La Santa Sede apre un canale su YouTube
Prezzi e tariffe

La Santa Sede apre un canale su YouTube

Anche papa Benedetto XVI avrà un suo canale su YouTube. Il Vaticano ha infatti stretto un accordo con Google per la pubblicazione di video e immagini a cura del Centro Televisivo Vaticano (CTV).I dettagli dell’accordo saranno resi noti durante una conferenza stampa convocata per venerdì prossimo.Per ora si sa che l’accordo va oltre la semplice

Il cinema si promuove online
Web e Social

Il cinema si promuove online

Internet non è da considerarsi il mezzo di comunicazione che sostituirà o supererà gli altri ma bisogna pensarlo come il medium da “sfruttare”, che alimenta i messaggi degli altri mezzi, soprattutto dal punto di vista promozionale. Così come da tempo sta facendo il cinema.La commercializzazione dei film online si sta espandendo in modo esponenziale. Nel