La CPU Bloomfield entra nella nuova roadmap Intel

Intel si avvicina sempre più alla data di commercializzazione dei processori basati sulla nuova architettura Nehalem. Iniziano dunque a diffondersi le prime informazioni dettagliate sulle CPU di fascia desktop.I primi modelli che vedranno la luce, probabilmente già durante il mese di Settembre, sono rivolti al settore server e workstation: Gainestown per sistemi a doppio processore

Intel si avvicina sempre più alla data di commercializzazione dei processori basati sulla nuova architettura Nehalem. Iniziano dunque a diffondersi le prime informazioni dettagliate sulle CPU di fascia desktop.

I primi modelli che vedranno la luce, probabilmente già durante il mese di Settembre, sono rivolti al settore server e workstation: Gainestown per sistemi a doppio processore e Beckton per sistemi multiprocessore.

Verso la fine dell’anno verranno annunciate tre versioni quad core dedicate al settore desktop, che avranno il nome in codice Bloomfield, ognuna delle quali verrà assegnata a una diversa fascia di mercato.

Per la fascia “Extreme” sarà proposta una CPU Bloomfield con frequenza pari a 3,20 GHz, velocità del bus QPI (QuickPath Interconnect) pari a 6,4 GTransfers/s e controller di memoria integrato con supporto DDR3 a 1333 MHz.

Per la fascia “Performance” sarà proposta una CPU Bloomfield con frequenza pari a 2,93 GHz, velocità del bus QPI pari a 4,8 GTransfers/s e controller di memoria integrato con supporto DDR3 a 1066 MHz.

Per la fascia “Mainstream” infine sarà proposta una CPU Bloomfield con frequenza pari a 2,66 GHz, velocità del bus QPI pari a 4,8 GTransfers/s e controller di memoria integrato con supporto DDR3 a 1066 MHz.

Tutti i nuovi processori avranno una cache L3 da 8 MB condivisa tra i quattro core, un TDP massimo di 130 W e adotteranno il nuovo socket LGA1366.

Finora non si conosce nessuna informazione in merito alla presentazione delle versioni quad core e dual core di fascia media, che portano i nomi in codice di Lynnfield e Havendale (settore desktop), e di Clarksfield e Auburndale (settore notebook).

Sul sito AnandTech è presente un test in anteprima della CPU Boomfield a 2,66 GHz installata su una scheda madre con chipset Intel X58.

Ti potrebbe interessare
Google Maps Mobile aggiunge Street View
Google

Google Maps Mobile aggiunge Street View

Nonostante le critiche sulla privacy nate a seguito del lancio del servizio Google Street View, BigG ha continuato a credere nel suo prodotto, estendendo la copertura ad alcune località europee in occasione del Tour de France, arrivando agli ultimi rilevamenti in terra Australiana e Giapponese.È fresca la notizia dell’inclusione di Street View anche in Google