Microsoft condannata per la violazione di brevetti

Microsoft torna nell’occhio del ciclone a causa di una sentenza giudiziaria che la obbliga a risarcire i danni per una violazione su alcuni brevetti.In effetti, la questione è tra Alcatel-Lucent e il colosso di Redmond. La sentenza di un tribunale federale degli Stati Uniti condanna Microsoft e la costringe a sborsare 368 milioni di dollari

Microsoft torna nell’occhio del ciclone a causa di una sentenza giudiziaria che la obbliga a risarcire i danni per una violazione su alcuni brevetti.

In effetti, la questione è tra Alcatel-Lucent e il colosso di Redmond. La sentenza di un tribunale federale degli Stati Uniti condanna Microsoft e la costringe a sborsare 368 milioni di dollari per aver violato i brevetti.

Addirittura il giudice distrettuale, “Marilyn Huff”, ha disposto che Microsoft paghi ad Alcatel-Lucent un totale di 512 milioni, cifra che comprende gli interessi.

Già nel 2007, Microsoft era riuscita a farla franca facendo archiviare la richiesta di risarcimento per un miliardo e mezzo di dollari su alcuni brevetti relativi a tecnologie audio di Alcatel.

Microsoft ha già fatto sapere che intende presentare un ricorso. La spunterà anche questa volta?

Ti potrebbe interessare
Come abilitare l’anteprima video in eMule
Web e Social

Come abilitare l’anteprima video in eMule

Dopo aver scaricato video e filmati con eMule capita frequentemente di trovarsi di fronte a brutte sorprese, in quanto il contenuto non corrisponde a quanto desiderato.Fortunatamente vi è modo di attivare una funzione di anteprima che consenta di evitare i cosiddetti “fake”, cioè falsi non corrispondenti a quanto indicato nella descrizione, e la qualità insufficiente.Per

Turista fai da te? No sicurezza? Ahi ahi ahi…
Web e Social

Turista fai da te? No sicurezza? Ahi ahi ahi…

Evitare di fare online banking e shopping via internet presso gli Internet Cafe o, più in generale, su ogni postazione Pc pubblica. Dopo aver utilizzato Pc presenti in Internet Cafe o comunque di pubblico dominio, cancellare i dati temporanei nel browser, la history e i cookies. Non dimenticare di effettuare il log off se ci