QR code per la pagina originale

E’ fusione tra Movies.com e Fandango.com

Uno fornisce informazioni su spettacoli e orari oltre alla vendita online di biglietti e l'altro è una dei principali veicoli informativi sul mondo del cinema che esistono in rete. L'obiettivo è ora diventare la principale risorsa di cinema di internet

,

Il più grande rivenditore online di biglietti del cinema si unisce con una delle più grandi e visitate risorse di informazioni sul mondo del cinema, dei gossip e dei DVD. Così potrebbe essere descritto il matrimonio tra Movies.com e Fandango, società che dal 2007 è controllata da Comcast.

Fandango.com infatti gestisce in esclusiva la compravendita di biglietti in rete per 15.000 sale in tutti gli Stati Uniti, oltre a fornire sul sito immagini, trailer e informazioni varie sul materiale gestito. Nulla però in confronto alla mole di materiale informativo di cui dispone Movies.com che, oltre a potersi fregiare di un indirizzo abbastanza comodo per chi si occupa di cinema, include anche recensioni, trame, gossip e una documentazione sulle nuove uscite in DVD.

L’obiettivo è tutto fuorchè nascosto: creare la più importante risorsa cinematografica dell’internet statunitense, dando soprattutto vita a nuove opportunità per gli investitori pubblicitari. I due siti, infatti, concordano nel sostenere di non avere il medesimo pubblico: entrambi online dal 2000, hanno una base utenti di 6,3 milioni per Fandango (con una crescita del 24% annuo) e 1,9 per Movies.com (fonte Nielsen NetRatings).

A chiudere l’affare è stata la Disney che era il precedente proprietario di Movies.com, precedentemente noto anche come MrShowbiz.com, uno dei primi siti di informazione cinematografica in assoluto.

«Siamo lieti di espandere le nostre possibilità di intrattenimento attraverso l’aggiunta di Movies.com» ha dichiarato in un comunicato stampa Chuck Davis, CEO di Fandango: «finalmente potremo combinare le nostre competenze per fornire a milioni di frequentatori delle sale la più alta qualità di informazioni sul cinema disponibile in rete».