Game & Watch. Gli schiacciapensieri

Da non confondere con gli scacciapensieri di siciliana memoria, gli schiacciapensieri sono una serie di videogiochi portatili prodotti dalla Nintendo tra il 1980 e il 1991.L’inventore, l’ingegnere giapponese Gunpei Yokoi, che già nel cognome aveva un qualcosa di ludico, ebbe la geniale intuizione di passare dal sistema precedentemente usato per i videogiochi portatili, il LED,

Da non confondere con gli scacciapensieri di siciliana memoria, gli schiacciapensieri sono una serie di videogiochi portatili prodotti dalla Nintendo tra il 1980 e il 1991.

L’inventore, l’ingegnere giapponese Gunpei Yokoi, che già nel cognome aveva un qualcosa di ludico, ebbe la geniale intuizione di passare dal sistema precedentemente usato per i videogiochi portatili, il LED, alla tecnologia LCD, cioè i cristalli liquidi.

Gli schiacciapensieri, così ribattezzati e distribuiti in Italia dalla Polistil, erano conosciuti in tutto il mondo come Game&Watch (gioco e orologio, era incorporato) ed ebbero all’inizio degli anni ’80 un successo strepitoso che dal Giappone li portò ad invadere tutto il mondo.

Della grandezza di una calcolatrice, come detto con lo schermo LCD, avevano nelle prime edizioni due pulsanti di azione più il pulsante GameA/GameB per definire la difficoltà di gioco. Funzionavano con le pile da orologio.

La serie originale contava 59 giochi a partire dal primo “Ball” inventato nel 1980 per arrivare ai vari “Donkey Kong”, “Popeye”, “Snoopy”. Il Game&Watch dal modello base si trasformò in wilde screen e multi screen, fino ad arrivare ai giochi a colori e a versioni sempre più sofisticate.

Non erano solo dei videogiochi portatili, nella loro semplicità erano puro divertimento senza impegno, non so se “schiacciassero” i pensieri, come affermava il loro nome in italiano, ma erano sempre lì, pronti a regalarti qualche minuto di spensieratezza istantanea.

Oggi i pensieri sono altri, così come i videogiochi portatili, ma il regno del vintage tecnologico ha incoronato gli schiacciapensieri come vero oggetto di culto, e solo un post non basterebbe a raccontarvi tutto quello che ci sarebbe da dire.

Ti potrebbe interessare
App Store: rifiutate le applicazioni con “iPhone” nel titolo
Apple

App Store: rifiutate le applicazioni con “iPhone” nel titolo

Le stranezze delle barriere d’accesso ad App Store sembrano non avere mai fine: un’applicazione creata da Macworld è stata rifiutata per la presenza della parola “iPhone” nel titolo.La notizia è stata rivelata da Jason Snell, uno degli editori di Macword, sulle pagine del proprio Twitter. Oggetto del contendere, l’applicazione “iPhone, The Missing Manual“, colpevole di

YouLicense, un nuovo modo di vendere musica
Web e Social

YouLicense, un nuovo modo di vendere musica

YouLicense ha creato un mercato molto particolare che consente agli utenti di ascoltare canzoni e brani gratuitamente e in seguito di comprarne la licenza.La funzione più apprezzata, è la possibilità di inserire i propri contenuti su YouLicense, rendendo disponibili le nostre tracce musicali a chiunque. YouLicense offre una varietà di modi per scovare i brani

Gsmart i350 da Gigabyte
Google

Gsmart i350 da Gigabyte

Successore del modello i128, Gigabyte Communications ha presentato l’i350 GPS PDA Phone basato su Windows Mobile 6 Professional. Il modulo telefonico è un quad band 850/900/1800/1900 GPRS classe 12. Manca dunque la possibilità di collegarsi ad elevate velocità dati, elemento sempre più richiesto in questo genere di apparecchi. Rispetto al modello precedente non sono tra