Il giaguaro si è estinto, ma solo quello dell’Atari

Malgrado l’Atari Jaguar adesso sia un’icona di culto ironica, già durante gli albori fu considerata un tonfo completo a tal punto da convincere l’azienda produttrice a ritirarsi dall’industria dell’hardware.Rilasciata nel 1993, la Jaguar era la significativa rivale delle console di Sega e Nintendo, ed era considerata una macchina dal punto di vista tecnico superiore a

Malgrado l’Atari Jaguar adesso sia un’icona di culto ironica, già durante gli albori fu considerata un tonfo completo a tal punto da convincere l’azienda produttrice a ritirarsi dall’industria dell’hardware.

Rilasciata nel 1993, la Jaguar era la significativa rivale delle console di Sega e Nintendo, ed era considerata una macchina dal punto di vista tecnico superiore a quelle presenti sul mercato.

Infatti l’Atari presentò la Jaguar come la prima console a 64bit (questa affermazione è fortemente criticata dai più esperti videogiocatori) prodotta insieme all’IBM con l’obiettivo di fabbricarla per solo $500 dollari al momento del lancio. Non molto se pensiamo che la PlayStation era stata lanciata ad un prezzo superiore.

Il vero problema della Jaguar era rappresentato dalla difficoltà a programmare i giochi e per la scarsa gamma dei titoli disponibili che non soddisfacevano le esigenze dei acquirenti. Inoltre i videogiocatori si lamentavano che il controller del sistema, con 15 bottoni, era impossibile da usare.

In più il core della Jaguar era formato non da processori a 64 bit: solo il bus dati principale della Jaguar e alcune CPU erano a 64 bit.

In questo modo l’Atari voleva creare una console economica usando 2 processori a 32 bit a discapito dei videogiocatori che si illudevano di possedere un reale 64 bit e dei programmatori che incontravano parecchie difficoltà nella programmazione sviluppando diversi titoli pieni di bug.

Ti potrebbe interessare
iCopy porta la funzione copia/incolla sull’iPhone
Google

iCopy porta la funzione copia/incolla sull’iPhone

Ci ha pensato un certo Preston Monroe a sopperire a una delle mancanze più clamorose dell’iPhone, quella della funzione del copia e incolla.Si chiama iCopy l’applicazione creata appositamente allo scopo di copiare e incollare parti di testo e URL tra le pagine internet.

SIIA, i software più piratati nel 2007
Web e Social

SIIA, i software più piratati nel 2007

La SIIA ha redatto un resoconto sui programmi più frequentemente utilizzati senza le regolari licenze all’interno delle diverse organizzazioni. Non manca un resoconto sui software illegali più distribuiti attraverso Internet e i portali di aste online