Il Toshiba SpursEngine su scheda PCI Express

Il chip SpursEngine, sviluppato da Toshiba e presente nella CPU Cell della Playstation 3, inizia a trovare applicazione anche nel mondo PC.Dopo la sua integrazione nei notebook Qosmio G55 e F40, Toshiba in collaborazione con Leadtek ha presentato la scheda Winfast PxVC 1100 in standard PCI Express x1.Il chip, costituito da quattro SPE (Synergistic Processing

Il chip SpursEngine, sviluppato da Toshiba e presente nella CPU Cell della Playstation 3, inizia a trovare applicazione anche nel mondo PC.

Dopo la sua integrazione nei notebook Qosmio G55 e F40, Toshiba in collaborazione con Leadtek ha presentato la scheda Winfast PxVC 1100 in standard PCI Express x1.

Il chip, costituito da quattro SPE (Synergistic Processing Elements), è stato specificamente progettato per accelerare in hardware i flussi MPEG2, MPEG4, AVC e H.264, riducendo il carico sulla CPU, durante la riproduzione di contenuto video in alta definizione.

La frequenza di funzionamento è pari a 1,5 GHz, con una potenza di elaborazione massima pari a 48 Gflops (12 Gflops per ogni SPE). Inoltre, la funzionalità di upscaling della risoluzione consente la visualizzazione di filmati in definizione standard su schermi HD, riducendo al minimo la degradazione qualitativa delle immagini.

La scheda Leadtek, che integra 128 MB di memoria XDR di produzione Rambus, sarà commercializzata ad un prezzo di circa 280 dollari.

Ti potrebbe interessare
Google rinnova la prima pagina di Analytics
Web e Social

Google rinnova la prima pagina di Analytics

Google sta apportando varie modifiche al suo servizio Analytics. Una novità introdotta nei giorni passati è stata la modifica dell’home page.Ora, oltre al classico elenco di siti Web che abbiamo nel nostro account Analytics, vengono riportati anche dei dati interessanti.Possiamo infatti conoscere lo status di attivazione di quel preciso codice Analytics, per sapere se è

L’FTC investiga sull’accordo Intel-STMicro
Business

L’FTC investiga sull’accordo Intel-STMicro

L’annunciata joint venture tra Intel e STMicroelectronics è ora sotto l’occhio vigile della Federal Trade Commission americana. Alle due società sono stati richiesti ulteriori dettagli sull’accordo per verificare eventuali violazioni delle leggi antitrust