One More Thing: MacBook

One More Thing… anche oggi Jobs ha voluto stupire la folla con la sua classica affermazione ma in questo caso “l’effetto sorpresa non è stato tale”. La rivoluzione dei MacBook ormai era attesa da tutti e da qualche tempo circolavano alcune immagini rubate.I nuovi MacBook rappresentano la versione ridotta dei modelli Pro. Integrano le nuove

One More Thing… anche oggi Jobs ha voluto stupire la folla con la sua classica affermazione ma in questo caso “l’effetto sorpresa non è stato tale”. La rivoluzione dei MacBook ormai era attesa da tutti e da qualche tempo circolavano alcune immagini rubate.

I nuovi MacBook rappresentano la versione ridotta dei modelli Pro. Integrano le nuove configurazioni tecniche, la nuova trackpad e il nuovo case in alluminio. Fra le novità (per i MacBook) c’è l’introduzione della retroilluminazione a LED e la tastiera retro illuminata.

Se all’apparenza i due modelli di MacBook possono risultare più cari e con minori prestazioni in realtà vanno analizzati nel dettaglio. Solo il prezzo del modello da 2,4 Ghz è aumentato di 100 Euro ma rispetto al vecchio MacBook nero il prezzo può essere giustificato dalle dotazioni.

A livello prestazionale i nuovi MacBook integrano un bus del processore a 1066 Mhz e la RAM è sviluppata con tecnologia DDR3. Questi due elementi aumentano sensibilmente le prestazioni della macchina; riscontri oggettivi potremo solo riceverli dai test indipendenti che verranno effettuati nei prossimi mesi.

Infine c’è il nuovo chip grafico dell’Nvidia: il 9400M. Quest’ultima feature rende i macbook ottime macchine anche per poter giocare.

Ti potrebbe interessare