Microsoft e Yahoo, fine della trattativa?

Microsoft, che a gennaio scorso, offrì 44,6 miliardi di dollari per l’acquisizione di Yahoo, ma il 3 maggio lasciò cadere la trattativa dopo avere elevato la sua offerta a 47,5 miliardi di dollari, aveva fatto pensare negli ultimi giorni ad un ripresa del dialogo.“Steve Ballmer”, amministratore delegato di Microsoft, infatti, venerdì scorso aveva fatto intravedere

Microsoft, che a gennaio scorso, offrì 44,6 miliardi di dollari per l’acquisizione di Yahoo, ma il 3 maggio lasciò cadere la trattativa dopo avere elevato la sua offerta a 47,5 miliardi di dollari, aveva fatto pensare negli ultimi giorni ad un ripresa del dialogo.

“Steve Ballmer”, amministratore delegato di Microsoft, infatti, venerdì scorso aveva fatto intravedere uno spiraglio nelle contrattazioni per l’acquisizione di Yahoo tant’è vero che il titolo del motore di ricerca veniva scambiato a 12,99 dollari ad azione, in rialzo di 1,24 centesimi.

In realtà però, il colosso di Redmond attraverso un comunicato stampa afferma:

Microsoft non è interessata ad acquistare Yahoo, non c’è nessuna trattativa in corso tra le due compagnie.

Fine di una estenuante trattativa? O strategia per confondere le idee?

Eppure le parole di Ballmer riguardo a Yahoo sottolineavano che l’acquisizione

ha ancora senso economicamente

e suonavano come una ripresa del contatto con i dirigenti di Yahoo.

Ti potrebbe interessare
Register.it, offerta per webmaster fai-da-te
Software e App

Register.it, offerta per webmaster fai-da-te

Si moltiplicano le offerte per la costruzione di siti grazie creazioni guidate che, partendo da template preconfezionati, permettono di portare online un sito in pochi minuti, con un piccolo investimento e con estrema facilità. Ci prova anche Register

Michael Robertson urla al complotto
Business

Michael Robertson urla al complotto

Michael Robertson è un personaggio noto prima per MP3.com, poi per Linspire, quindi per Gizmo, ora per i problemi legali legati ad MP3tunes. Secondo Robertson i giudici vogliono ora colpirlo personalmente a titolo esemplificativo per altri CEO

EliteXstream: nuovi alimentatori da 800 e 1000 Watt
cebit nvidia

EliteXstream: nuovi alimentatori da 800 e 1000 Watt

Anche per la OCZ la vetrina del Cebit 2008 ha consentito la presentazione di tutta una serie di nuovi prodotti, pensati e progettati per rispondere alle esigenze di una vasta tipologia di utenti. Questa volta OCZ ha proposto una nuova serie di alimentatori di fascia alta: il nome commerciale è EliteXtream.