Ericsson va meglio del previsto e Stoccolma la premia

È tempo di bilanci anche per Ericsson, la società, leader mondiale di infrastrutture per la comunicazione, lunedì ha sorpreso piacevolmente gli analisti presentando i risultati del terzo trimestre fiscale.Come previsto il periodo viene chiuso in rosso, con un utile netto di 2,84 miliardi di corone (281 milioni di euro), registrando un decremento del 30% rispetto

È tempo di bilanci anche per Ericsson, la società, leader mondiale di infrastrutture per la comunicazione, lunedì ha sorpreso piacevolmente gli analisti presentando i risultati del terzo trimestre fiscale.

Come previsto il periodo viene chiuso in rosso, con un utile netto di 2,84 miliardi di corone (281 milioni di euro), registrando un decremento del 30% rispetto all’anno precedente. Un segnale di grande ottimismo se confrontato con il pesante calo del 70% di appena tre mesi fa.

Anche il fatturato è stato superiore alle attese: una crescita di 13 punti percentuali a 49,2 miliardi di corone, rispetto ad un consensus di 45,9 miliardi.

Immediata e gratificante è stata la risposta di Stoccolma, dove le azioni del gruppo sono schizzate di oltre 20 punti percentuali.

Nonostante le perdite contenute dell’ultimo periodo, la compagnia svedese rimane in una situazione piuttosto critica. Le vendite nell’area dell’ovest Europa continuano ad essere in calo e l’instabile scenario economico finanziario non fa che peggiorarne le prospettive future.

Ti potrebbe interessare
Il sensore Exmor debutta all’interno delle WX1 e TX1 di Sony
Imaging

Il sensore Exmor debutta all’interno delle WX1 e TX1 di Sony

Sono le WX1 e TX1 le prime compatte Sony a utilizzare il sensore CMOS Exmor R. Quest’ultimo, assicura il costruttore giapponese, grazie alla sua particolarità costruttiva consente di avere una sensibilità alla luce doppia rispetto ai tradizionali CMOS, garantendo quindi un più basso rumore e un più efficace funzionamento nelle situazioni di scarsa illuminazione.Oltre al

Warner Bros sposa BitTorrent
Web e Social

Warner Bros sposa BitTorrent

Warner Bros distribuirà la propria produzione cinematografica e televisiva tramite BitTorrent. Le attività prenderanno il via in estate con la distribuzione dei primi 200 titoli. Ogni programma televisivo scaricato costerà all’utente 1$