QR code per la pagina originale

Xbox, Primetime arriverà solo in primavera

Rimandata la nuova tecnologia di Redmond che consentirà ai proprietari di Xbox di giocare a show televisivi ad hoc per vincere premi reali. Confermata invece per il 19 Novembre la nuova versione della dashboard che incorporerà il catalogo Netflix

,

Niente da fare per Xbox Live Primetime: nonostante la nuova dashboard della console Microsoft sia comunque disponibile il prossimo 19 Novembre, la tecnologia per consentire ad ogni giocatore di scontrarsi con gli altri durante trasmissioni televisive ad hoc potrebbe vedere la luce solo in primavera.

Trattasi per la verità dell’ennesimo rinvio. Annunciato allo scorso E3 per l’autunno, Primetime dovrà invece attendere ancora e vedersela probabilmente con una concorrenza non da poco dato che la stagione televisiva primaverile statunitense vede il ritorno di serie di grandissimo successo (da Lost ad American Idol), cosa che rischia di compromettere il successo immediato della tecnologia. Le motivazioni addotte da Redmond per il ritardo sono puramente tecniche: si tratterà dell’operazione più ambiziosa dal lancio della Xbox360 e si vuole con forza che nulla possa andare storto.

Dunque mentre sono confermate le novità di interfaccia della nuova dashboard (compreso l’accordo per lo streaming di film da Netflix), si dovrà attendere per quel passo in avanti nella definizione di cosa sia una console, passo comunque destinato fin da subito a fare epoca. Primetime sarà infatti il primo vero tentativo di fondere televisione e videogiochi, unendone non solo i contenuti e le modalità di interazione, ma soprattutto il pubblico.

Sembra comunque confermata la notizia secondo cui, quando Primetime arriverà nelle console Microsoft, il primo show a cui giocare sarà una versione speciale di “1 vs 100”, format statunitense molto noto, dove interagendo nel mondo virtuale si vinceranno premi reali. Quando si diceva che Redmond era entrata nel business delle console per guadagnare il posizionamento sotto al televisore, in effetti, non si scherzava.