SSD ZIF IDE: nuove frontiere di integrazione secondo Super Talent

Ormai si sente parlare di SSD realizzati nei formati più disparati per poter equipaggiare ogni tipo di dispositivo, e l’ultima frontiera di integrazione è stata raggiunta da Super Talent con i suoi nuovi SSD ZIF IDE.Si tratta di soluzioni realizzate in due formati da 0.85″ e 1″, sviluppate sulla base delle tecnologie Intel Z-P140 SSD,

Ormai si sente parlare di SSD realizzati nei formati più disparati per poter equipaggiare ogni tipo di dispositivo, e l’ultima frontiera di integrazione è stata raggiunta da Super Talent con i suoi nuovi SSD ZIF IDE.

Si tratta di soluzioni realizzate in due formati da 0.85″ e 1″, sviluppate sulla base delle tecnologie Intel Z-P140 SSD, e destinate ad equipaggiare sistemi UMPC (Ultra Mobile PC) e DMB (Digital Media Broadcasting).

Come lascia intuire il nome, l’interfaccia utilizzata per gli SSD ZIF IDE è appunto la Parallel-ATA (PATA/IDE) sviluppata su connettore ZIF (Zero Insertion Force) per un’installazione immediata.

Sul fronte delle performance tutti i modelli sono caratterizzati da velocità massime di lettura e scrittura rispettivamente pari a 40 e 30 megabyte al secondo con un tempo d’accesso pari a 0.1 millisecondi, mentre per quanto riguarda la capacità di memorizzazione è necessario distinguere in basei ai due form factor: 2 e 4 gigabyte per le versioni da 0.85″; 2, 4 e 8 gigabyte per le versioni da 1″.

Dalle specifiche presenti nei datasheet dei prodotti) è possibile rilevare dati riguardanti la ritenzione dei dati nel tempo, che, a seconda delle condizioni di utilizzo, si attesterebbe da un minimo di 10 anni fino a un massimo di circa 44 anni per il modello da 8GB.

Ti potrebbe interessare
Per un bug la colpa è di Microsoft o di Symantec?
Microsoft

Per un bug la colpa è di Microsoft o di Symantec?

Di chi è la colpa? Symantec segnala un problema che ha colpito molti PC dopo l’aggiornamento al Service Pack 3 di Windows XP, giungendo alla conclusione che a causare tale malfunzionamento sia stata Microsoft; dall’altra parte la casa di Redmond rigira il problema dando la colpa a Symantec.Il problema consiste in un’interruzione di varie funzioni,