Crisi sfiorata tra Intel e Apple

Durante l’Intel Developer Forum 2008 di Taipei, l’evento dedicato agli sviluppatori, Intel è costretta a scusarsi con la Apple per le dichiarazioni poco felici riguardo l’iPhone.Infatti, secondo Intel, l’iPhone avrebbe avuto come punto debole il processore ARM che non fornirebbe abbastanza potenza allo smartphone e sosteneva che la prossima volta Apple avrebbe dovuto scegliere con

Durante l’Intel Developer Forum 2008 di Taipei, l’evento dedicato agli sviluppatori, Intel è costretta a scusarsi con la Apple per le dichiarazioni poco felici riguardo l’iPhone.

Infatti, secondo Intel, l’iPhone avrebbe avuto come punto debole il processore ARM che non fornirebbe abbastanza potenza allo smartphone e sosteneva che la prossima volta Apple avrebbe dovuto scegliere con cura i processori da utilizzare per i propri prodotti.

La smentita arriva con la seguente dichiarazione da parte di Intel nei confronti dell’iPhone di Apple

un prodotto estremamente innovativo che permette nuove ed eccitanti opportunità di mercato.

Le scuse mettono in risalto che le dichiarazioni dei portavoce Intel erano inappropriate e che non

avrebbero dovuto commentare in alcun modo i prodotti altrui.

Del resto, il processore Atom non è ancora in grado di competere con i processori ARM in termini di autonomia. Perché dunque scatenare una polemica?

Ristabilito in questo modo gli equilibri con la Apple? O tentativo di riconciliazione per una eventuale collaborazione?

Ti potrebbe interessare
App World raggiunge quota 10.000
Google

App World raggiunge quota 10.000

App World, il market dedicato alle applicazioni per BlackBerry, ha appena toccato la ragguardevole cifra di 10.000 programmi disponibili al download.A comunicarlo agli utenti e ai fan è stata direttamente Research in Motion tramite Twitter.

Troppi debiti, chiude una banca online
Business

Troppi debiti, chiude una banca online

Le autorità di controllo statunitensi hanno fatto chiudere una banca online perchè non era più in grado di garantire i depositi dei propri clienti. ING Direct eredita e riattiva i conti e la banca fallita va in liquidazione

USA: 1 utente su 2 usa Google
Software e App

USA: 1 utente su 2 usa Google

Il dato arriva da Nielsen/NetRatings: negli Stati Uniti in Maggio una ricerca su due è stata compiuta su Google con il motore di Mountain View in grado di occupare ben il 49% del mercato contro il 22.9% di Yahoo. Ultimo scalino del podio per MSN Search, fermo ad uno scarno 10.2% e medaglia di legno