Dell mette l’Intel Silverthorne in un netbook

Il processore Intel Atom è certamente un’ottima soluzione per i netbook, ma l’accoppiata con il vecchio chipset Intel 945 non è stata accettata da tutti, a causa del suo eccessivo consumo, maggiore di quello della sola CPU.Questo è una delle ragioni che ha spinto Dell a proporre un netbook con schermo da 12 pollici basato

Il processore Intel Atom è certamente un’ottima soluzione per i netbook, ma l’accoppiata con il vecchio chipset Intel 945 non è stata accettata da tutti, a causa del suo eccessivo consumo, maggiore di quello della sola CPU.

Questo è una delle ragioni che ha spinto Dell a proporre un netbook con schermo da 12 pollici basato sull’architettura Intel Menlow.

Il nuovo Dell Inspiron 1210 si differenzia dai subnotebook attualmente in commercio per l’adozione di un processore progettato per i dispositivi MID e UMPC: l’Atom Silverthorne modello Z520 con frequenza pari a 1,33 GHz.

La vera novità è l’utilizzo del chipset US15W, noto con il nome in codice di Poulsbo. Si tratta di una soluzione a singolo chip che integra in un unico componente northbridge e southbridge, con un valore di TDP pari a 2,3 W.

Il sottosistema video è rappresentato dall’Intel GMA 500, mentre l’unico modulo di RAM DDR2 da 1 GB è direttamente saldato sul PCB della scheda madre.

L’utente avrà la possibilità di scegliere tra un disco rigido da 60 GB e uno da 80 GB. La connettività è garantita da un modulo Bluetooth e da una scheda WiFi 802.11b/g.

Il netbook, già disponibile per il mercato giapponese, verrà commercializzato online a partire dal mese di Novembre, ad un prezzo base di 600 dollari. Il sistema operativo installato è Windows Vista Home Basic, ma versioni con Windows XP e Linux Ubuntu saranno disponibili entro la fine dell’anno.

Ti potrebbe interessare
L’app di Google Docs sbarca su Android
Google

L’app di Google Docs sbarca su Android

Su Android sono ormai disponibili numerose applicazioni targate Google per la gestione di molti dei servizi che il colosso offre, ma finora era mancata quella per utilizzare Google Docs. L’app dunque arriva nell’Android Market per offrire all’utenza un valido aiuto per l’editing dei documenti.

FotoFlexer, fotoritocco online
Imaging

FotoFlexer, fotoritocco online

Ormai le applicazioni online si sprecano, e mentre alcune restano poco più che giocattoli altre si sviluppano e diventano dei seri avversari per gli equivalenti desktop.Questo è il caso di FotoFlexer, un applicativo online per il fotoritocco che vanta più di 400.000 utenti. Tra le tante caratteristiche che lo rendono un applicativo serio ci sono