Nixie, il display a valvole

Il display numerico Nixie, introdotto sul mercato nel 1954 dalla Burroughs Corporation, ha trovato fin dal principio diversi campi di applicazione.Utilizzato anche per la prima calcolatrice elettronica da ufficio, il Bell Punch/Sumlock ANITA Mk.VII del ’61, venne altresì adottato dalla maggior parte degli accessori elettronici, come radiosveglie o orologi e trovò largo impiego anche in

Il display numerico Nixie, introdotto sul mercato nel 1954 dalla Burroughs Corporation, ha trovato fin dal principio diversi campi di applicazione.

Utilizzato anche per la prima calcolatrice elettronica da ufficio, il Bell Punch/Sumlock ANITA Mk.VII del ’61, venne altresì adottato dalla maggior parte degli accessori elettronici, come radiosveglie o orologi e trovò largo impiego anche in diversi tipi di attrezzature tecniche, quali voltmetri, multimetri, calcolatori di frequenza.

Considerati i precursori dei moderni display LED e LCD, i tubi Nixie erano dispositivi simili alle valvole termoioniche, contenenti una miscela di gas e 10 elettrodi sagomati a raffigurare i numeri da 0 a 9.

Seguendo un principio simile a quello dei tubi al neon, la visualizzazione delle informazioni numeriche avveniva attraverso scariche elettriche, in grado di formare un alone di gas ionizzato intorno all’elettrodo, e permettendone la conseguente illuminazione.

La longevità dei tubi Nixie, inizialmente limitata a 5.000 ore, raggiunse oltre 200.000 ore con le tipologie di ultima generazione.

Tuttavia, già a partire dagli anni ’80, il tubo Nixie iniziò il suo declino, segnato, in particolar modo, dalla comparsa dei display allo stato solido come i Flip-over o quelli a 7 segmenti, decisamente più economici e resistenti.

Nonostante ciò, negli ultimi anni, si è verificato un parziale recupero della tecnologia Nixie, specialmente per la suggestiva modalità di visualizzazione, che ha portato alla diffusione di moderni (e costosissimi) gadget a tubi catodici.

Ti potrebbe interessare
Google Ad Manager diventa DFP Small Business
Web e Social

Google Ad Manager diventa DFP Small Business

Con una email inviata a tutti i possessori di un account Google Ad Manager, lo strumento utilizzato dagli editori per vendere spazi pubblicitari sui propri siti, Google ha sancito la chiusura di questo servizio.Come si legge nella email, a seguito di un’acquisizione avvenuta ormai diversi mesi fa, Google ha fuso e integrato Ad Manager con

Accessori invernali per iPhone e iPod da Hi-Fun
Apple

Accessori invernali per iPhone e iPod da Hi-Fun

Hi-fun ha fatto di nuovo centro: forte del successo dei primi altoparlanti per iPod, l’azienda italiana ha ampliato la gamma dei suoi prodotti introducendo due accessori prettamente invernali e si candidano a diventare degli ottimi regali di Natale.Hi-head è un cappellino e Hi-ear un comodo paraorecchie che incorporano degli speaker removibili e ad alte prestazioni:

Web Video Downloader, un altro client YouTube
Google

Web Video Downloader, un altro client YouTube

Continua la rassegna dei programmi per vedere e salvare i video di YouTube e altri portali di video-sharing sul proprio device. Questa volta ho testato Web Video Downloader, un client freeware per Windows Mobile, giunto alla versione 0.0.8 e proveniente dalle instancabili fucine di xda-developers.Molti i portali di video-sharing supportati. Non solo quindi il classico

Twitter, email e cellulare: cosa non si fa per aggiornarsi!
Google

Twitter, email e cellulare: cosa non si fa per aggiornarsi!

Vi avevo già parlato di Twitter, e avevo anche esternato una riflessione sulla necessità che avverto di definire un unica modalità con cui accentrare e gestire le mie relazioni online, ovviamente in ambito mobile e al minor costo possibile, tendenzialmente gratis.Tutto questo però sembra trovare un ostacolo insormontabile proprio sotto l’aspetto della connettività in movimento.

Nuovo gioco per iPod: LOST!
Apple

Nuovo gioco per iPod: LOST!

E’ appena terminata, negli Stati Uniti, la terza serie di Lost, la serie TV che ha spopolato negli ultimi tre anni.In Italia, invece, è appena terminata la seconda e la terza arriverà in inverno. Per chi volesse ingannare l’attesa (ma anche, naturalmente, per chi volesse avvicinarsi e scoprire le meraviglie di questo telefilm) è stato