Wiki wiki bus e il sapere per tutti

Fino a non molti anni fa, il sapere veniva inteso come Enciclopedie dai grossi volumi (vere pietre miliari del Vintage), riposti in interi scaffali e ovviamente, il sapere in questa forma ha sempre avuto il suo prezzo.Poi hanno iniziato a fare capolino le prime Enciclopedie Multimediali, le quali erano però sempre legate alla vecchia concezione

Fino a non molti anni fa, il sapere veniva inteso come Enciclopedie dai grossi volumi (vere pietre miliari del Vintage), riposti in interi scaffali e ovviamente, il sapere in questa forma ha sempre avuto il suo prezzo.

Poi hanno iniziato a fare capolino le prime Enciclopedie Multimediali, le quali erano però sempre legate alla vecchia concezione enciclopedica, cui veniva solo modificato il supporto.

Questo fino a quando, nel 1995, un signore di nome “Ward” viene invitato a salire su un “bus”, a “Honolulu”. Sembrerebbe una storia surreale, ma nei fatti è così che nasce il concetto alla base di quello che oggi tutti riconoscono come il sapere libero, della quale l’esponente più conosciuta è Wikipedia.

Ma cerchiamo di andare con ordine nel raccontare questa storia (non propriamente Vintage, ma sicuramente curiosa nel complesso). Nel 1995, precisamente il 25 marzo, all’interno del sito Portland Pattern Repository (PPR) viene inaugurato un software, il Wiki Base, primo software wiki della storia. Lo stesso viene utilizzato per la gestione collaborativa all’interno del sito, e che permette la nascita di una comunità non controllata da un unico individuo. Il sito tratta dell’uso dei pattern nella programmazione, e la gestione di tutta la documentazione viene affidata alla comunità con l’utilizzo del software wiki nato proprio per facilitare e velocizzare la scrittura e la discussione di un determinato argomento.

Alla base di tutto vi è il personaggio poco prima citato, ovvero Ward Cunningham, padre del progetto wiki nonché del sito PPR, il quale un giorno, non appena sbarcato ad Honolulu venne invitato a salire sui “wiki wiki bus”, e così wiki fu la prima parola che imparò. Wiki significa veloce, molto rapido, e fu scelta dallo stesso Cunningham al posto della parola Quick.

Da qui, il concetto di Wiki trova numerosissime applicazioni e sempre maggiore diffusione, fino ad arrivare al progetto ad oggi più ampio, ovvero Wikipedia, il cui nome nasce proprio dalla parola Wiki, cui viene aggiunto pedia, suffisso della parola enciclopedia, il cui significato in greco è insegnamento.

Nata il 15 gennaio 2001, oggi giorno ogni internauta avrà sentito parlare di Wikipedia. Fruibile sotto licenza GFDL (GNU Free Documentation License) è attualmente la più ampia fonte di sapere libero e collaborativo presente su Web. Redatta inoltre 250 lingue (per la versione italiana se ne annoverano anche delle varianti in dialetti locali come Napoletano, Sardo, Piemontese) la sua redazione è sostenuta da una organizzazione senza scopi di lucro, la Wikimedia Foundation.

Wikipedia è per sua natura aperta a chiunque si senta in grado di contribuire al sapere di tutti, ma proprio per questa sua natura, è facile preda di atti di vandalismo informatico.

Secondo Jimmy Wales, uno dei suoi fondatori, Wikipedia

è uno sforzo per creare e distribuire una enciclopedia libera della più alta qualità possibile ad ogni singola persona sul pianeta nella propria lingua.

Ti potrebbe interessare
Dalla Cina nuova stretta su Internet
Prezzi e tariffe

Dalla Cina nuova stretta su Internet

La Cina ha approvato una nuova legge in materia di Web che sta già facendo suscitare molte polemiche. Da oggi, tutti gli esercenti di Pechino che vorranno offrire un punto d’acceso a internet ai propri clienti, pensiamo per esempio agli Internet point ma anche agli hotel, bar e ristoranti, dovranno installare su ogni computer un

eBay riprende a correre, in evidenza il comparto casa e arredamento
ebay

eBay riprende a correre, in evidenza il comparto casa e arredamento

Sarà che in tempi di crisi economica la gente è più propensa a investire in beni più legati al focolare domestico e meno “voluttuosi”, sarà che il gusto per l’arredamento degli italiani si conferma più vivo che mai: comunque sia, i dati resi noti da eBay sembrano confermare appieno la grande crescita del settore del

Microsoft, tentazioni open source
Software e App

Microsoft, tentazioni open source

Microsoft potrebbe compiere l’ennesimo importante passo verso il mondo open source (sia pur con tutte le attenuanti del caso): dal blog di uno sviluppatore del gruppo di Redmond, infatti, emerge la proposta di aprire il codice di Windows Forms