Due lenti per tre dimensioni. Gli occhiali 3D

Lente rossa, lente blu. Al cinema infilavi quegli strani occhiali colorati dalla montatura di cartone bianco e improvvisamente le immagini uscivano dalle due dimensioni della proiezione per sorprenderci con la terza dimensione.Ma funzionavano veramente? Oppure l’unico film che è uscito realmente dallo schermo è “La rosa purpurea del Cairo” (citazione anch’essa vintage… 1985) di Woody

Lente rossa, lente blu. Al cinema infilavi quegli strani occhiali colorati dalla montatura di cartone bianco e improvvisamente le immagini uscivano dalle due dimensioni della proiezione per sorprenderci con la terza dimensione.

Ma funzionavano veramente? Oppure l’unico film che è uscito realmente dallo schermo è “La rosa purpurea del Cairo” (citazione anch’essa vintage… 1985) di Woody Allen?

Parliamo degli occhiali 3D, detti anche stereoscopici.

I più famosi sono stati quelli con il supporto bianco e le due lenti, una rossa e una ciano (verde e blu), distribuiti da alcune riviste oppure al cinema in occasione dell’uscita di alcuni film, su tutti “Lo Squalo 3(D)” del 1983.

Ma la stereoscopia (Percezione tridimensionale dello spazio, e quindi del rilievo degli oggetti osservati, dovuta alla capacità dei due organi di senso di fondere gli stimoli ricevuti da ciascuno di essi) ci porta ben molto prima del vintage; Euclide nel 208 A.C. ne definì i principi, anche il grande Leonardo da Vinci si interessò della profondità e il primo disegno tridimensionale è del 1600 ad opera di Giovanni Battista La Porta.

Tornando a periodi più recenti, quello del tridimensionale è un fenomeno che ciclicamente si ripropone: se il fumetto “Topolino” regalava come gadget gli occhialini nel 1953, il cinema, per farci provare la prima sensazione di “profondità” (ancora senza occhiali) riavvolge la pellicola fino al film “L’arrivée du train en gare de La Ciotat”, dei fratelli Lumière nel 1896.

In seguito Hollywood negli anni ’50 produsse diverse pellicole 3D, tra cui anche film d’autore come “Delitto Perfetto” di Alfred Hitchcock (1954); poi i progetti vennero abbandonati per eccessivi costi e di nuovo ripresi verso la fine degli anni ’70 con il già citato Squalo 3.

Oggi si riparla di occhiali 3d, naturalmente supportati da tecniche sempre più perfezionate e ben lontani da quelli di cartone anni ’80, per esempio con il film “I Robinson – Una famiglia spaziale” della Disney (2007).

E c’è da scommettere che non sarà l’ultimo, perché gira e rigira la storia, a tre dimensioni, si ripete.

Ti potrebbe interessare
HTC Desire HD e Desire Z sono ufficiali
Google

HTC Desire HD e Desire Z sono ufficiali

In quel di Londra, HTC ha ufficializzato due nuovi smartphone basati su Android: si tratta dell’atteso Desire HD, versione internazionale dell’Evo 4G, anche se manca della tecnologia WiMax, e di Desire Z, molto vicino nelle caratteristiche al recentemente annunciato T-Mobile G2.Il Desire HD, equipaggiato con Android 2.2 e l’ultima interfaccia Sense, è riconoscibile per l’ampio

Il nuovo spot iPad allude al Newton
Apple

Il nuovo spot iPad allude al Newton

Nuovo spot per il famoso tablet di Cupertino. Si intitola “What is iPad?” e si distacca pesantemente dalle delicate pubblicità cui eravamo abituati sin’ora. Ritmi sostenuti, dinamicità e voce del narratore profonda e rugginosa: questa réclame vuole essere un vero e proprio omaggio al Newton, il nonno di iPad.

La Chiesa pensa al Web 2.0
Web e Social

La Chiesa pensa al Web 2.0

Nel corso del convegno “Chiesa e Rete 2.0”, la CEI si è interrogata sulle nuove opportunità di comunicazione offerte dal Web 2.0. Per la Chiesa, fenomeni come Facebook vanno indagati per comprenderne risvolti e dinamiche senza chiusure aprioristiche

Microsoft investirà in Xbox Live

Microsoft investirà in Xbox Live

Microsoft sta studiando un nuovo sistema per aggiornare i videogiochi e i servizi contenuti nella console Xbox 360 e spera in questo modo di raddoppiare il numero degli utenti del servizio.Il servizio Microsoft Xbox Live conta attualmente oltre 10 milioni di utenti, la maggior parte dei quali paga 50 dollari l’anno per poter sfidare online