I colossi dell’IT sono tutti tra le “nuvole”

È tempo di reagire alla crisi economica finanziaria. È tempo di recuperare un po’ di sano ottimismo. È importante non fermarsi, cercare soluzioni alternative per crescere a dispetto di un’economia paralizzata e terrorizzata dalla sua stessa instabilità.Una missione impossibile? Certamente no per colossi come IBM, Microsoft, Google, Yahoo che possiedono le risorse finanziarie necessarie ma

È tempo di reagire alla crisi economica finanziaria. È tempo di recuperare un po’ di sano ottimismo. È importante non fermarsi, cercare soluzioni alternative per crescere a dispetto di un’economia paralizzata e terrorizzata dalla sua stessa instabilità.

Una missione impossibile? Certamente no per colossi come IBM, Microsoft, Google, Yahoo che possiedono le risorse finanziarie necessarie ma probabile anche per le realtà più piccole con soluzioni di outsourcing.

La direzione presa dalle grandi società tecnologiche punta dritto ad una nuova dimensione dei personal computer, il cloud computing. Un termine che da circa un anno a questa parte è entrato tra il top delle ricerche Web.

Ma cos’è il cloud computing? Quali sono i vantaggi per un’azienda che decide di abbracciare questo approccio?

Il cloud è un approccio che consente di elaborare e archiviare i dati non più in locale ma in remoto.

In poche parole questo significa che l’azienda non deve farsi carico di avere un CED (una sala server) dove emettere i dati e le proprie applicazioni ma può utilizzare degli spazi virtuali (le c.d. nuvole) che fisicamente possono trovarsi ovunque, ad Honk Kong, a New York o nella stanza accanto.

Questo si traduce nella possibilità di gestire il proprio lavoro da qualunque postazione, con un risparmio sui costi di notevole entità.

Come per ogni novità c’è poi una minoranza scettica che parla dei rischi riguardanti la perdita di controllo sui dati sensibili che chiunque si affida a queste nuove tecnologie potrebbe correre mettendo i propri dati “nelle mani di terzi”.

Una formula, quella del cloud computing, del tutto nuova che porta con sé un nuovo modello di lavoro. Dal punto di vista dei dipendenti è aperta la strada verso la possibilità di ottimizzare il proprio tempo e di organizzare il proprio lavoro secondo le proprie esigenze.

Voi cosa ne pensate?

Ti potrebbe interessare
Dropbox arriva su iPad
Dropbox

Dropbox arriva su iPad

Dropbox è uno dei software per la sincronizzazione di file e lo sharing più apprezzati su Windows, Mac e Linux: grazie a questa applicazione, è possibile condividere con amici e parenti intere cartelle, o singoli file, il tutto con pochi click e senza difficili configurazioni.Da poche ore Dropbox è disponibile gratuitamente anche per il neonato

Green IT: si registra una crescita
Web e Social

Green IT: si registra una crescita

Oggi la parola “Risparmio”, nelle aziende IT, sta diventando sempre più sinonimo di “Ecologia”. È questa la conclusione che emerge da un’indagine di Forrester Research, operata su 130 aziende comprese fra Nord America ed Europa.Ad oggi, infatti, la percentuale di aziende ICT definibili come ecologiche, è pari ad un soddisfacente 38%. Sicuramente è ancora troppo

Velocizzare la scrittura nello smartphone
Google

Velocizzare la scrittura nello smartphone

Uno dei limiti maggiori che ho riscontrato nell’uso quotidiano degli smartphone è rappresentato dall’usabilità della tastiera in fase di inserimento dati.Esiste il T9 e ci sarà qualcuno che obietterà sicuramente che si tratta di un metodo rapido ed efficace per digitare caratteri. Personalmente, invece, ho sempre cercato una valida alternativa, in grado di rendere più