QR code per la pagina originale

Yahoo, le novità previste per il 2009

Nonostante le note problematiche societarie, la base di sviluppo dei servizi Yahoo appare sana ed attiva. Il gruppo sta ora sviluppando tecnologie per il miglioramento del'esperienza di search e nel 2009 introdurrà alcuni elementi innovativi nel motore

,

I problemi societari sono elemento che spetta all’analisi dei top manager aziendali. Il perseguimento dell’innovazione tecnica, invece, affonda le radici nei laboratori, ove Yahoo dimostra di avere ancora un substrano sano che opera al fine di migliorare il rapporto tra utente e motore di ricerca con lo scopo di offrire la miglior esperienza di ricerca possibile. L’ultima novità giunge dai laboratori di Bangalore, ove Yahoo sta sperimentando le novità che animeranno le ricerche già fin dal 2009.

Tra le novità più attese ci sarebbe un nuovo filtro intelligente in grado di aggiungere informazioni alle SERP. Yahoo, in pratica, intende arricchire la paginata dei risultati che segue ogni ricerca, facendo in modo che il tutto non si riduca semplicemente ad un elenco di url, ma che prima del click sia già possibile sapere la direzione esatta che si andrà a prendere. Per far ciò Yahoo deve predisporre una indicizzazione intelligente dei siti così che le informazioni possano essere ordinate secondo schemi predefiniti e standardizzati.

L’esempio può essere quello di una ricerca di un hotel. Nel momento in cui se ne vede l’url, ma prima del click definitivo, Yahoo potrà proporre all’utente una mappa che indichi l’ubicazione dell’hotel; una descrizione sommaria; una indicazione sulla qualità della struttura; i contatti utili per la prenotazione. A questo punto il link restituito sarà maggiormente raffinato ed il click offrirà maggiori soddisfazioni all’utente impegnato nella ricerca di una specifica informazione. Allo stesso modo la ricerca di un preciso prodotto potrebbe restituire risultati specifici per prezzi, fotografie e casa costruttrice: si tratta di un forte passo avanti che Yahoo compie nella direzione del web semantico, la dimensione “3.0” verso cui il Web si sta per orientare.

Il sistema non sarà però universale: il tutto si gioverà degli strumenti SearchMonkey (con cui è possibile personalizzare il modo in cui il proprio sito compare tra i risultati di Yahoo) e soltanto i siti aderenti potranno pertanto giovarsi della ricerca approfondita sulle pagine del motore. Il tutto lascia presumere come saranno soprattutto le grandi compagnie e le grandi catene a giovarsi di tale possibilità, offrendo comunque a Yahoo un supporto interessante soprattutto sotto talune specifiche categorie di servizio (come da esempi precedenti: ricerca prodotti e prenotazione viaggi in primis).

Una ulteriore novità in introduzione concerne la ricerca per immagini. Yahoo intende infatti fornire una anteprima istantanea che accompagna la composizione delle query. Così facendo viene introdotto un SearchWiki avanzato anche per le immagini e la proposta di piccole thumbnail a supporto dell’utente è in grado di pilotare la composizione delle query ed il raggiungimento dell’immagine desiderata.