Microsoft Zune a rischio estinzione

Probabilmente molti ricorderanno ancora la roboanti affermazioni di Steve Ballmer (“batteremo iPod”) sullo Zune, il lettore multimediale Microsoft.Ma quella promessa difficilmente sarà mantenuta: in una intervista sul Financial Times, Ballmer insinua che per Zune sia arrivata l’ora del pensionamento.A scartabellare i bilanci di Redmond dell’ultimo trimestre, si scopre che le vendite di Zune sono crollate

Probabilmente molti ricorderanno ancora la roboanti affermazioni di Steve Ballmer (“batteremo iPod”) sullo Zune, il lettore multimediale Microsoft.

Ma quella promessa difficilmente sarà mantenuta: in una intervista sul Financial Times, Ballmer insinua che per Zune sia arrivata l’ora del pensionamento.

A scartabellare i bilanci di Redmond dell’ultimo trimestre, si scopre che le vendite di Zune sono crollate del 54%, con entrate inferiori di 100 milioni di dollari rispetto allo stesso periodo del 2007.

Probabilmente molto dipende dalle condizioni non favorevoli del clima finanziario, soprattutto negli USA, che attualmente rappresentano l’unico mercato in cui Zune è venduto. Il mercato internazionale ha probabilmente attutito gli effetti della crisi per Apple, che invece porta a casa un +3% di vendite e un calo del fatturato parecchio inferiore, nell’ordine del 16%.

Nell’intervista, Ballmer aveva lasciato intendere che Microsoft è già al lavoro per incorporare la tecnologia di Zune all’interno di Windows Mobile, rinunciando così a gadget altamente specializzati e puntando tutto sui dispositivi “general purpose”.

Ti potrebbe interessare
IFA: Sony PRS-T1 Reader Wi-Fi, uscita e prezzo
Tablet

IFA: Sony PRS-T1 Reader Wi-Fi, uscita e prezzo

Nel corso di una conferenza stampa tenuta in occasione dell’IFA 2011 di Berlino, Sony ha confermato la produzione del PRS-T1 Reader Wi-Fi, nuovo eReader che sarà in vendita in Europa e Stati Uniti a partire dal mese di ottobre.

Google segnalerà i siti pericolosi
Software e App

Google segnalerà i siti pericolosi

Google è pronto a sperimentare le virtù dell’archivio della Stop Badware Coalition, gruppo no-profit che intende combattere il malware online. Il motore di ricerca segnalerà i siti pericolosi alla propria utenza spiegando il rischio nello specifico