Lo streaming cresce e Netflix domina

Il video in streaming è sempre più importante nei consumi mediatici e in tale categoria la visione di film occupa un posto privilegiato. Netflix sembra dominare il suo settore anche in virtù di diversi accordi che lo portano sulla televisione

Parliamo di

Crisi economica e aumento delle disponibilità tecnologiche stanno segnando il boom di Netflix. Il servizio di noleggio e scambio DVD via posta ordinaria che vanta anche un sistema equivalente in streaming via internet sta infatti registrando forti rialzi nell’utenza.

L’economia in perdita aiuta perchè PC, televisione e cinema sono forme di svago tra le più economiche in assoluto e dunque preferite ad altre nel momento in cui si deve scegliere forzatamente e la progressiva maggior consapevolezza che gli utenti raggiungono dei propri mezzi sta aumentando la propensione a forme nuove di consumo. I film di Netflix in particolare arrivano in streaming sui computer, sulle Xbox360 e sui set top box Roku attaccati alle tv.

In particolare la presenza sulle console Microsoft è molto virtuosa. Sembra che 800.000 possessori della console fossero già utenti del servizio al momento dell’accordo e 200.000 si siano iscritti in virtù di esso. Si tratta di cifre che paiono destinate a crescere ancora sia per il continuo consenso che Netflix raccoglie, sia per le vendite in aumento delle Xbox 360. Tra le parti il rapporto win-win è parso immediatamente fecondo, ma per il nostro paese non sembrano esserci al momento speranze: Netflix ha spiegato a chiare lettere di volersi concentrare sul mercato americano, respingendo immediate ambizioni oltre confine.

Ma il videonoleggiatore digitale numero 1 è solo la punta di un iceberg: YouTube, Hulu e altri servizi simili stanno tutti vedendo i loro numeri aumentare. Solo per Netflix la crescita è arrivata a 9,4 milioni di utenti a fine anno dagli 8,7 di settembre. Il suo segreto è proprio lo streaming in rete, infatti gli altri competitor come Amazon Unbox o Blockbuster hanno da tempo annunciato che quello della fruizione diretta diventerà presto anche il loro modello per la rete.

Ti potrebbe interessare