Microsoft si accorda con RedHat

Il colosso di Redmond ha intuito che, se vuole avere buone chance per continuare ad avere una posizione di leadership nel mondo dell’IT, deve aprirsi a collaborazioni con società con cui finora è stata in competizione.Nasce così l’intesa tra Microsoft e RedHat. Il campo su cui si basa l’accordo è la virtualizzazione. In sostanza i

Il colosso di Redmond ha intuito che, se vuole avere buone chance per continuare ad avere una posizione di leadership nel mondo dell’IT, deve aprirsi a collaborazioni con società con cui finora è stata in competizione.

Nasce così l’intesa tra Microsoft e RedHat. Il campo su cui si basa l’accordo è la virtualizzazione. In sostanza i due colossi intendono lavorare insieme per rendere compatibili le proprie soluzioni.

Accadrà così che saranno ottimizzate le funzionalità dei sistemi RedHat sui server Hyper-V Microsoft e sarà possibile garantire assistenza per Windows Server su virtualizzazioni RedHat.

Così facendo RedHat entra ufficialmente nel programma Microsoft di virtualizzazione. Come si muoveranno allora gli altri competitor?

E se Microsoft acquisisse RedHat? Come cambierebbe la geografia dell’IT?

Ti potrebbe interessare
Steve Jobs e i segreti della comunicazione
Imaging

Steve Jobs e i segreti della comunicazione

Steve Jobs, CEO di Apple, è universalmente riconosciuto come grande comunicatore. Ma quali sono i suoi segreti? È stata condotta una ricerca in merito, creando un collage delle varie presentazioni in cui Steve ha realizzato un intervento, per cercare di capirne i passaggi fondamentali ed i segreti.

Microsoft detta l’ultimatum
Business

Microsoft detta l’ultimatum

Yahoo vorrebbe che Microsoft alzasse l’offerta avanzata con l’OPA, ma Microsoft sembra voler invece iniziare a giocare duro: una voce scaturita a Wall Street ipotizza addirittura un’offerta al ribasso, il che porta in alto il titolo MSFT e affossa YHOO

Gmail, falla scoperta e subito risolta
Software e App

Gmail, falla scoperta e subito risolta

Un link da cliccare, un codice per impossessarsi del cookie di autenticazione, ed il semplice hack è completo: scoperto il modo per rubare i dati di accesso agli account Gmail, ma Google risolve subito il problema tappando la falla emersa.