Cisco acquisisce Pure Digital per 590 milioni di dollari

Ned Hooper, vice presidente di Cisco, ha annunciato che l’azienda con sede a San José ha acquisito Pure Digital Technologies, team di San Francisco che nel 2006 ha dato alla luce la tecnologia Flip Video.L’operazione, che porterà Cisco ad ampliare l’offerta di prodotti destinati al mercato consumer, ha un valore economico stimato in 590 milioni

Ned Hooper, vice presidente di Cisco, ha annunciato che l’azienda con sede a San José ha acquisito Pure Digital Technologies, team di San Francisco che nel 2006 ha dato alla luce la tecnologia Flip Video.

L’operazione, che porterà Cisco ad ampliare l’offerta di prodotti destinati al mercato consumer, ha un valore economico stimato in 590 milioni di dollari.

La forza di Flip Video è quella di permettere facilmente a chiunque di catturare e condividere video. Tale caratteristica, unita all’esperienza di Cisco nel campo del networking, secondo Hooper, è destinata a rivoluzionare il modo di comunicare in futuro.

Le videocamere costruite con tale tecnologia, infatti, hanno già venduto oltre due milioni di pezzi negli Stati Uniti, un trend influenzato sia dalla grande semplicità di utilizzo dei dispositivi, sia dalla presenza integrata del software FlipShare, che permette in modo pratico e intuitivo di effettuare l’upload dei propri filmati su portali di videosharing come YouTube.

Ti potrebbe interessare
IFPI rettifica la ricerca sugli acquisti legali degli utenti P2P
Prezzi e tariffe

IFPI rettifica la ricerca sugli acquisti legali degli utenti P2P

Proprio ieri vi abbiamo parlato di una recente ricerca che ha dimostrato come gli utenti di filesharing siano i migliori clienti in fatto di acquisto di musica legale. Puntualmente, IFPI ha voluto rettificare i risultati dell’indagine, riportando come le perdite per l’industria discografica siano severissime.Il P2P sarebbe la vera e unica causa del declino economico

Malware: a rischio l’economia della Rete
Software e App

Malware: a rischio l’economia della Rete

Un rapporto redatto dall’OECD illustra l’evoluzione e l’impatto devastante dei malware nei confronti dell’economia della Rete e della sicurezza nazionale. Per arginare tale piaga è necessaria una maggior cooperazione tra le diverse comunità internazionali