Processori Intel ULV nei nuovi Acer Aspire Timeline

È tempo di interessanti novità per Acer. Contemporaneamente alla presentazione dei notebook Aspire 3935/5935/8935 e dei netbook Aspire One 531/751, l’azienda taiwanese ha annunciato tre nuovi notebook che integrano le ultime CPU ULV di Intel.I tre modelli sono dotati di display 16:9 retroilluminato a LED con risoluzione di 1366×768 pixel e si differenziano per la

È tempo di interessanti novità per Acer. Contemporaneamente alla presentazione dei notebook Aspire 3935/5935/8935 e dei netbook Aspire One 531/751, l’azienda taiwanese ha annunciato tre nuovi notebook che integrano le ultime CPU ULV di Intel.

I tre modelli sono dotati di display 16:9 retroilluminato a LED con risoluzione di 1366×768 pixel e si differenziano per la misura della diagonale: 13,3 pollici per il 3810T, 14 pollici per il 4810T e 15,6 pollici per il 5810T.

Come altri produttori, anche Acer ha privilegiato l’aspetto estetico e la portabilità; infatti, lo spessore è appena 24 mm nel punto più alto, mentre l’utilizzo di un telaio in alluminio spazzolato ha permesso di ridurre il peso fino a 1,6 Kg (per il 3810T).

I processori Intel Core 2 Duo SU9400 e Core 2 Solo SU3500 sono abbinati al chipset Intel GS45 che supporta moduli di memoria DDR3 con capacità fino a 8 GB. La connettività è assicurata da un modulo WiFi Link 5100 802.11n, una scheda LAN di tipo Gigabit Ethernet e un modulo Bluetooth 2.0+EDR.

Per lo storage troviamo invece hard disk tradizionali da 160/250/320/500 GB oppure SSD da 80 GB, oltre ad un lettore di memory card 5-in-1 e, ad eccezione del modello 3810T, anche un lettore DVD Super Multi 8X. Infine, sono presenti fino a 4 porte USB 2.0, uscita VGA e uscita HDMI.

La batteria a 6 celle, comune a tutti i modelli, garantisce un’autonomia superiore alle 8 ore, anche grazie alla tecnologia Acer PowerSmart attivabile attraverso un pulsante situato sulla tastiera.

Ti potrebbe interessare
Microsoft compra aQuantive per 6 miliardi
Business

Microsoft compra aQuantive per 6 miliardi

Microsoft ha messo sulla bilancia 6 miliardi di dollari per far propria aQuantive in risposta alla precedente acquisizione di DoubleClick da parte di Google. L’operazione ha crato un forte valore per gli azionisti aQuantive, premiati con un +85%