QR code per la pagina originale

Craiglist nel mirino: dall’annuncio al reato

Craiglist è ormai nel mirino della giurisprudenza e dei media USA. Il sito di annunci online, infatti, era già sotto osservazione per l'alto numero di annunci erotici raccolti. Quando dagli annunci si è passati a furti ed omicidi il caso è esploso

,

Craiglist è uno dei siti web più popolari degli Stati Uniti, ma la sua popolarità è stata negli ultimi tempi tanto moltiplicata quanto eclissata da una serie di eventi tragici legati agli annunci ospitati. Dal furto allo stupro, fino all’omicidio, il tutto avvenuto tra persone entrate in contatto tramite le pagine di Craiglist.

Sebbene sia conclamato il fatto che il sito non abbia alcuna responsabilità diretta, il moltiplicarsi dei casi ha giocoforza coinvolto il sito stesso nelle operazioni di indagine ed ora il sito viene messo all’indice chiedendone una condivisione di responsabilità. Per i fautori del sito non c’è altra possibilità se non tentare di collaborare, facendo il possibile per minimizzare l’accaduto senza tuttavia pregiudicare la bontà del business avviato.

Philip Markoff, 23 anni, studente di medicina: avrebbe ucciso una massaggiatrice contattata tramite Craiglist per poi assalire e derubare una ulteriore vittima (medesimo modus operandi) ed essere incriminato per entrambi i casi. Trattasi di un caso sui molti ormai accertati, ed ora la richiesta che viene posta a Craiglist da più parti è esplicita: ripulire l’archivio dagli annunci erotici. Le motivazioni addotte non sembrano però totalmente lineari: l’appiglio è quello di una sorta di “favoreggiamento” della prostituzione, esplicitamente vietato e quindi da ostacolare, ma tecnicamente l’obiettivo è quello di eliminare il contatto tra malintenzionati ed incaute vittime. Tecnicamente, peraltro, non è semplice portare al termine un filtro dalle buone performance poiché gli annunci di stampo erotico raramente sono ricollegabili ad avvisi specifici, limitandosi a frasi ambigue che un utente in cerca può però facilmente identificare.

Jim Buckmaster, CEO Craiglist, ha scritto sul blog del gruppo come i primi incontri con gli inquirenti siano satati «cordiali e produttivi». Craiglist intende scendere a patti con le istituzioni, sapendo di essere attualmente al centro delle attenzioni, e si tenta dunque di tenere basso il tenore del dibattito nella speranza di trovare una formula che possa accontentare tutti.