Non è così facile lasciare Windows Live OneCare

Windows Live OneCare cesserà di esistere a partire dal prossimo mese. Microsoft porterà al termine le licenze attuali, dopodiché si dedicherà a Morro, un progetto gratuito e successivo che sembra rappresentare l’abbandono effettivo di Microsoft relativamente al mondo degli antivirus. Chi a suo tempo registrò un abbonamento a Live oneCare, però, potrebbe aver siglato un

Windows Live OneCare cesserà di esistere a partire dal prossimo mese. Microsoft porterà al termine le licenze attuali, dopodiché si dedicherà a Morro, un progetto gratuito e successivo che sembra rappresentare l’abbandono effettivo di Microsoft relativamente al mondo degli antivirus.

Chi a suo tempo registrò un abbonamento a Live oneCare, però, potrebbe aver siglato un rinnovo automatico della licenza, rinnovo che ora potrebbe avvenire a pochi giorni dal termine del progetto oneCare. Presumibilmente Microsoft ha già pensato a tutto bloccando silentemente i rinnovi automatici, ma della cosa non v’è pubblica traccia: è consigliabile, pertanto, fermare l’abbonamento così che la quota di rinnovo non venga versata alla scadenza dell’abbonamento siglato.

Uscire dall’abbonamento automatico a Windows Live OneCare, però, non è così semplice.

Il software, infatti, non permette di disattivare il rinnovo automatico così come la cosa non è possibile tramite alcun sito Microsoft. Una sola indicazione viene fornita dalla Guida Online del software antivirus:

Per annullare il servizio, contatta il supporto tecnico OneCare al numero +39 02 7039 8398

La telefonata è l’unico sistema valido per disattivare l’abbonamento. Si passa attraverso una duplice selezione tramite tastierino numerico, quindi si entra in contatto con una gentile responsabile (non italiana, ma di perfetta comprensione e buona espressione nella nostra lingua) la qualche chiederà indirizzo email e ultime cifre della carta di credito prima di portare a sospensione l’abbonamento. In pochi istanti una mail avverte del buon esito dell’operazione.

La soluzione, insomma, arriva in pochi minuti. Ma è necessaria una telefonata a pagamento, quando invece sarebbe bastato un semplice click. Da questi dettagli è evidente quanto sul progetto oneCare Microsoft non abbia mai riposto eccessiva fiducia.

Ti potrebbe interessare