DettaSMS: messaggi vocali per iPhone

DettaSMS è una nuova applicazione per iPhone disponibile gratuitamente su App Store, sviluppata da TIM esclusivamente per i propri clienti per semplificare la creazione dei messaggi di testo, basandosi sul riconoscimento vocale.Si tratta perciò di una possibile alternativa alla tradizionale composizione con la tastiera virtuale, che potrebbe rivelarsi utile in alcuni casi, ad esempio quando

DettaSMS è una nuova applicazione per iPhone disponibile gratuitamente su App Store, sviluppata da TIM esclusivamente per i propri clienti per semplificare la creazione dei messaggi di testo, basandosi sul riconoscimento vocale.

Si tratta perciò di una possibile alternativa alla tradizionale composizione con la tastiera virtuale, che potrebbe rivelarsi utile in alcuni casi, ad esempio quando si hanno le mani impegnate o si sta camminando.

Eseguita l’installazione, occorre registrare in rete il numero telefonico per ricevere un codice di attivazione via SMS. Prima di iniziare ad utilizzare il software occorre completare una breve fase di addestramento alla propria voce mediante la lettura di alcune frasi in un ambiente silenzioso.

Nella schermata principale, per dettare un messaggio è necessario toccare e tenere premuto il tasto “Parla” e portare il palmare ad una decina di centimetri dalla bocca, parlando quindi con una voce chiara e con tonalità normale.

Al termine va rilasciato il tasto premuto in precedenza e dopo alcuni istanti il campionamento vocale, che è possibile riascoltare, viene convertito in testo e appare sullo schermo pronto per essere spedito, inserendo il numero di telefono del destinatario o selezionandolo dalla rubrica. Nella sezione “Messaggi” restano memorizzati quelli che sono stati correttamente spediti.

Nel caso il testo non corrispondesse pienamente a quello dettato è possibile selezionare le parole errate e sostituirle, scegliendole da un elenco contenente parole attinenti. Se la parola desiderata fosse completamente diversa, un tocco prolungato sullo schermo fa aprire la tastiera virtuale per poterla così completamente ridigitare.

La guida rapida indica che il motore non è in grado di riconoscere nomi propri, cognomi e marchi, tranne che quelli più comuni, mentre riconosce la punteggiatura. In realtà, durante le diverse prove eseguite, l’accuratezza del riconoscimento appare insoddisfacente, anche in situazioni pressoché prive di rumori di fondo che potrebbero interferire con il campionamento. E ciò anche dopo aver ripetuto l’addestramento.

Del resto, leggendo la valutazione media dei numerosi commenti relativi all’applicazione su App Store, si ha la conferma su come sia ancora complicato ottenere risultati di rilievo con applicazioni di riconoscimento vocale realizzate per device mobili.

Ti potrebbe interessare