QR code per la pagina originale

Gli utenti potranno cancellarsi dalla Baia

Gli utenti che desiderano cancellarsi dall'archivio della Pirate Bay potranno presto farlo. Il team sta mettendo a punto un modulo che abilita la cancellazione dell'account. Molti utenti sono pronti alla fuga, ma il team implora: abbiamo bisogno di voi

,

Ad appena 24 ore dall’annuncio della cessione, The Pirate Bay torna a parlare ai propri utenti, ancora una volta tramite il blog. Non si tratta di un messaggio istituzionale, né di una questione aleatoria: il messaggio è diretto alla community, e riguarda il rapporto stesso tra gli utenti e la Baia. Ancora una volta The Pirate Bay prende tutti in contropiede: quando il passaggio di mano sta per avvenire, infatti, il team sta per mettere a disposizione degli utenti una via d’uscita facile facile, nel momento meno prevedibile.

Gli utenti iscritti potranno andarsene. Così come richiesto da tempo dagli utenti attivi, il sistema della Pirate Bay sta per dotarsi di un modulo che permetterà la cancellazione di tutti i dati personali lasciati alla Baia nel tempo. Trattasi di una mossa che giunge in controtempo, poiché è logicamente presumibile il fatto che il passaggio di proprietà includesse, oltre a brand e codice, anche la community raccoltasi attorno alle attività del motore. «Stiamo per mettere a punto una interfaccia per la cancellazione degli utenti. Molte persone ci hanno chiesto di poter rimuovere il proprio account e noi non forzeremo nessuno a rimanere».

Continua il team TPB: «Comunque vogliamo puntualizzare che nessun log di qualunque cosa e nessun dato personale verrà trasferito in una eventuale cessione. Perciò non temete per la vostra sicurezza. Ci siamo sempre curati di questo». Il post torna quindi sulle recenti notizie e su alcune contestazioni giunte tramite lo stesso blog dalla base della Baia. Il team spiega di non voler vedere morire il motore e di aver proceduto su di una strada obbligata: non ci sono capitali da investire e ci sono motivi validi che è impossibile ignorare (il riferimento al processo in corso appare evidente).

E infine un appello: «Il supporto che abbiamo avuto, è il supporto di cui ancora abbiamo bisogno. Abbiamo combattuto per anni per voi; e si, voi ci avete supportato in questo sforzo. Abbiamo ancora bisogno di voi, anche se abbandonate il sito. […] Certe cose richiedono di essere rifatte e riavviate». Seguono centinaia di commenti. Ringraziamenti, saluti, il tutto nella romantica atmosfera generata da un ciclo storico che si chiude. Eppure con il ciclo che si chiude ce n’è un altro che va aprendosi. Alla Global Gaming Factory X, però, sembra non credere ancora nessuno. Alle possibili novità introdotte dalla Peerialism l’utenza sembra non far caso. La Baia di ieri non c’è più e molti sembrano pronti a cancellare il cancellabile dai server.

L’homepage della Baia conta ad oggi 3.722.212 utenti iscritti: un numero destinato a scendere rapidamente.