Nearest Tube: la realtà aumentata su iPhone

La realtà aumentata arriva su iPhone. Ci pensa AcrossAir, come segnalato da Dan Nosowitz di Gizmodo, che con la sua applicazione Nearest Tube, al momento in fase di approvazione da parte di Apple, porta su iPhone 3GS questa nuova tecnologia.L’applicazione funziona, infatti, solo sul nuovo modello di iPhone, il 3GS, in quanto questa sfrutta, oltre

Parliamo di

La realtà aumentata arriva su iPhone. Ci pensa AcrossAir, come segnalato da Dan Nosowitz di Gizmodo, che con la sua applicazione Nearest Tube, al momento in fase di approvazione da parte di Apple, porta su iPhone 3GS questa nuova tecnologia.

L’applicazione funziona, infatti, solo sul nuovo modello di iPhone, il 3GS, in quanto questa sfrutta, oltre alla fotocamera e al GPS integrato, anche la bussola digitale, presente solo sull’ultima versione del “melafonino”.

Ma cos’è la realtà aumentata? Non è nient’altro che un’espansione del nostro modo di percepire l’ambiente circostante grazie all’introduzione di elementi virtuali che offrono informazioni aggiuntive alla realtà percepita dall’osservatore.

Ma torniamo alla nostra applicazione. Nearest Tube è al momento sviluppato per la sola città di Londra. Ecco a cosa serve e come funziona: Nearest Tube è in grado di dire, a chiunque si trovi in questa città, dov’è la più vicina stazione della metropolitana. Questo utilizzando la comoda e intuitiva interfaccia video dell’iPhone.

Avviando l’applicazione e tenendo l’iPhone in piano, tutte e 13 le linee della metropolitana londinese verranno mostrate sul display tramite frecce colorate. Inclinando l’iPhone verso l’alto, Nearest Tube indicherà quali di queste sono più vicine, verso quale direzione, in base alla propria posizione, si trovano e quanti chilometri o miglia distano da voi.

Probabilmente sarebbe bastato visualizzare queste informazioni tramite i già noti punti d’interesse su un’applicazione simile a “Mappe” o tramite uno dei tanti navigatori satellitari che pian piano escono o sono già presenti nell’App Store. Certo è che la soluzione adottata da AcrossAir risulta più interessante e spettacolare grazie proprio all’uso di questa nuova tecnologia, la realtà aumentata.

Ti potrebbe interessare
Vita media più lunga per le memorie Flash Nand
Web e Social

Vita media più lunga per le memorie Flash Nand

Attualmente uno dei problemi più grossi delle memorie Flash Nand è il numero limitato di cicli di lettura/scrittura che possono essere sopportati dalle celle alla base della loro architettura.In un periodo dove spopolano dispositivi che fanno largo uso di memorie Flash è impossibile immaginare una loro vita media di pochi anni, così un gruppo di