Le novità di Snow Leopard

Snow Leopard, il nuovo sistema operativo di Cupertino, ha fatto la sua apparizione nei negozi lo scorso 28 agosto. Di seguito, una breve analisi delle principali novità introdotte da Mac OS X 10.6 e, non ultimo, alcuni consigli per rendere indolore la transizione dei propri sistemi.Snow Leopard è il primo sistema operativo di casa Apple

Snow Leopard, il nuovo sistema operativo di Cupertino, ha fatto la sua apparizione nei negozi lo scorso 28 agosto. Di seguito, una breve analisi delle principali novità introdotte da Mac OS X 10.6 e, non ultimo, alcuni consigli per rendere indolore la transizione dei propri sistemi.

Snow Leopard è il primo sistema operativo di casa Apple a supportare pienamente i processori a 64bit, pur mantenendo piena compatibilità con le applicazioni nate in ambiente 32 bit. L’utilizzo di una struttura a 64 bit permette di gestire istruzioni più semplici e, allo stesso tempo, veloci. Proprio il cuore a 64 bit va a combinarsi egregiamente con OpenCL, il sistema che permette di sfruttare la scheda grafica come unità di calcolo, e Grand Central Dispatch, la nuova tecnologia di gestione del multi-threading. Innovazioni in grado di rendere il proprio Mac ancora più performante.

La GUI risulta più definita e omogenea rispetto al precedente Leopard. Anche in questo caso, non mancano le novità fra cui un Finder completamente riscritto e migliorato e l’accesso rapido a Exposé direttamente dal dock. Anche Quicktime subisce un completo restyling: nuova interfaccia e funzioni pro, quali registrazione e streamcast, disponibili per tutti.

Il neonato felino targato mela porta con sé importanti novità anche dal punto di vista della gestione dei file. Il sistema, infatti, è in grado di ottimizzare l’allocazione delle risorse per garantire una gestione più intelligente dello spazio. Le prove de Il Sole 24 Ore hanno dimostrato come sia possibile recuperare addirittura 12 GB di spazio su disco.

Il sistema, inoltre, è decisamente più stabile e sicuro rispetto ai suoi predecessori, grazie ad un sistema anti malware integrato. In questo modo, risulterà comodo e semplice difendersi dai, seppur rarissimi, malware per Mac apparsi in rete qualche mese fa.

L’upgrade da Leopard a Snow Leopard risulta semplice e relativamente veloce, tuttavia prima di effettuare il passaggio è bene controllare la compatibilità dei propri programmi preferiti. Suite quale la CS3 di Adobe, programmi di uso frequente come Elgato Eye TV e applicativi di lavoro come Vectorworks non risultano essere, al momento, perfettamente combatibili con Mac OS X 10.6. Si consiglia, di conseguenza, di leggere la pagina di compatibilità appositamente creata da Apple.

Inoltre, si ricorda come Snow Leopard funzioni unicamente su Mac dotati di architettura Intel: con OS X 10.6 viene interrotto il supporto alle piattaforme PPC concludendo, così, la fase di transizione.

Snow Leopard è disponibile a soli 29 euro per tutti i Mac dotati di OS X 10.5 o superiore.

Ti potrebbe interessare
iPhone OS 4 è arrivato: ecco le novità
Google

iPhone OS 4 è arrivato: ecco le novità

Il tanto atteso evento targato Apple è ormai terminato, e le aspettative non sono state tradite: l’azienda di Cupertino ha infatti svelato tutte le novità di iPhone OS 4.0, il nuovo sistema operativo mobile che sarà disponibile per tutti probabilmente dalla prossima estate, mentre verrà testato nella sua versione Beta da alcuni sviluppatori volontari a

Si amplia l’offerta contenuti di AliceHome Tv
Prezzi e tariffe

Si amplia l’offerta contenuti di AliceHome Tv

La tv via Internet di Telecom Italia ha l’obiettivo di aumentare il proprio bacino di utenti, superando i 500 mila entro il 2009. Per raggiungere questo scopo cresce l’offerta contenuti, ampliata con una serie di canali in esclusiva. Uno di questi è Bonsai, creato appositamente per Telecom da Yam112003 (Endemol).Il canale, rivolto ad un target

Iran: niente Internet per i minorenni
Web e Social

Iran: niente Internet per i minorenni

Il regime di Teheran vieta l’accesso a Internet ai minorenni, vale a dire a quasi metà della popolazione. L’ultimo atto di una strategia repressiva che ha individuato proprio nella Rete uno dei suoi bersagli più diretti.