Nuova smentita di nVidia su CPU x86

Ogni volta che gli analisti del settore ipotizzano l’ingresso di nVidia nel mercato dei processori x86, arriva la smentita da parte dell’azienda californiana.Anche questa volta, dopo i rumor sull’argomento di qualche giorno fa, non si è fatta attendere la risposta di Jen-Hsun Huang, CEO di nVidia.Secca la risposta di Huang:No, la strategia di nVidia è

Ogni volta che gli analisti del settore ipotizzano l’ingresso di nVidia nel mercato dei processori x86, arriva la smentita da parte dell’azienda californiana.

Anche questa volta, dopo i rumor sull’argomento di qualche giorno fa, non si è fatta attendere la risposta di Jen-Hsun Huang, CEO di nVidia.

Secca la risposta di Huang:

No, la strategia di nVidia è molto, molto chiara. Adesso, più che mai, dobbiamo concentrarci sul calcolo parallelo e visuale. La nostra strategia è diffondere le GPU in tutte le piattaforme, nei server, nei supercomputer, ma anche in piattaforme a basso consumo come mediaplayer e smartphone.

nVidia quindi non è intenzionata ad entrare in un mercato monopolizzato da Intel e AMD, nonostante l’impossibilità di realizzare chipset per questi sistemi. Vedremo in futuro se la sua scelta sarà vincente, considerando anche la prossima integrazione della GPU nella CPU, sebbene sia una soluzione non rivolta alla fascia alta del mercato.

Huang nega anche categoricamente una possibile joint venture con Globalfoudries:

Globalfoundries è un fabbrica di AMD, giusto? La nostra strategia è TSMC.

Un’ultima considerazione. Nelle parole del CEO di nVidia riguardante le strategie future non viene fatto nessun cenno al settore dei videogiochi. AMD ha dunque ragione?

Ti potrebbe interessare
Tecnologie xDSL: tante forme, stessa sostanza
Prezzi e tariffe

Tecnologie xDSL: tante forme, stessa sostanza

Col termine xDSL si è soliti indicare una gamma di tecnologie che condividono la stessa tecnica di trasmissione (DSL, appunto), ma che permettono di soddisfare necessità diverse in termini di velocità di connessione e non solo.Un utente privato, ad esempio, ha bisogno di un servizio economico che gli permetta di navigare in Internet, di acquistare

De rerum web 2.0
Web e Social

De rerum web 2.0

Dopo la conferenza We2Oltre, si discute ancora una volta della plausibilità del web 2.0, della sua fondatezza e della sua stessa esistenza.Molti personaggi più o meno influenti, più o meno geek, più o meno online si sono addentrati nella de-costruzione del concetto web 2.0, per evidenziarne a volte i lati positivi a volte quelli negativi.Seguendo