Matrox sfida ATI nel supporto multi display

Matrox è una delle aziende che ha fatto la storia del settore grafico (ricordate le famose Mystique, Millenium o G200/G400?), ma già da molti anni ha cambiato il suo target di riferimento che non è più quello dei giochi 3D.Non potendo competere con gli attuali giganti ATI e nVidia, l’azienda nota per la qualità video

Matrox è una delle aziende che ha fatto la storia del settore grafico (ricordate le famose Mystique, Millenium o G200/G400?), ma già da molti anni ha cambiato il suo target di riferimento che non è più quello dei giochi 3D.

Non potendo competere con gli attuali giganti ATI e nVidia, l’azienda nota per la qualità video dei suoi prodotti, realizza GPU per utenti professionali in ambito scientifico, militare e finanziario.

In questi settori è richiesto l’utilizzo di schede video che permettano di collegare più monitor in configurazioni multi display, tecnologia da poco introdotta anche da ATI con Eyefinity.

Matrox ha presentato la scheda PCI Express x16 M9188 a singolo slot che consente di collegare fino a otto monitor attraverso otto uscite mini DisplayPort. Installando una seconda scheda identica, il numero di display sale a sedici. In dotazione sono forniti anche adattatori da mini DisplayPort a DisplayPort e da mini DisplayPort a DVI.

La dotazione di memoria è pari a 2 GB, necessari per raggiungere una risoluzione di 2560×1600 pixel per ogni uscita collegata tramite DisplayPort e di 1920×1200 pixel per ogni uscita collegata tramite DVI.

Matrox fornisce driver Open GL 2.0 per tutti i sistemi operativi Microsoft (da XP a 7, anche a 64 bit) e per Linux. Il prezzo è di 1995 dollari con garanzia di 3 anni.

Esistono anche modelli più economici appartenenti alla stessa serie con due (M9128 LP), tre (M9138 LP) e quattro (M9148 LP) uscite mini DisplayPort equipaggiate con 1 GB di memoria video.

Ti potrebbe interessare
Google: meglio HTTPS che HTTP
Google

Google: meglio HTTPS che HTTP

Il motore di ricerca spinge per l’adozione del protocollo HTTPS, privilegiandone l’indicizzazione tra le SERP e con alcuni consigli per i webmaster.

Nokia Lumia 800: promosso
Smartphone

Nokia Lumia 800: promosso

Al termine di una settimana di test, ecco il nostro giudizio sul Nokia Lumia 800: promosso, con una riserva. Aspettando il prossimo Nokia Windows Phone.

Memorex lancia le videocamere compatte MyVideo e MyVideo HD
alta definizione

Memorex lancia le videocamere compatte MyVideo e MyVideo HD

Memorex lancia le nuove videocamere compatte MyVideo e MyVideo HD, pensate e realizzate per offrire un’esperienza di registrazione e condivisione semplice e alla portata di tutti.Un pulsante è tutto ciò che bisogna premere per scattare fotografie o iniziare il salvataggio di un filmato, da poter poi modificare attraverso gli intuitivi strumenti di editing inclusi, mostrare

Guitar Hero on tour: trucchi e consigli
Videogiochi

Guitar Hero on tour: trucchi e consigli

Abbiamo già parlato qui su Webnews di Guitar Hero: on tour per Nintendo DS, un gioco tutto sommato divertente ma minato da imperfezioni che si fanno sentire nel gameplay e che, con poche attenzioni in più, poteva essere invece un capolavoro.Per chi possiede questo titolo ecco alcuni trucchi e consigli per renderlo più agevole in

Google Street View a Roma
Web e Social

Google Street View a Roma

Ore 08:45 della mattina, Grande Raccordo Anulare, altezza Tiburtina, seconda carreggiata, media di circa 30 Km/h, noto alla mia destra una strana cosa che mi supera, sembra un auto ma è alta. Guardo e si tratta di una Opel Astra nera con sopra un tubo, alto circa un metro, e alla cima di tale prolungamento

Android potrebbe aggirare le licenze Java
Android

Android potrebbe aggirare le licenze Java

Con l’uscita di Dalvik sembra che da Mountain View siano pronti a fare a meno di una piattaforma Java per Android pur tenendosi stretta la folta community di sviluppatori e amanti del linguaggio di Sun. Sun si dice pronta al dialogo, Google fa spallucce

Google vince, Microsoft abbandona, AOL festeggia
Software e App

Google vince, Microsoft abbandona, AOL festeggia

E’ Google l’azienda che si aggiudica l’accordo con Time Warner per il controllo del profilo promozionale del gruppo AOL? Microsoft deve infatti abbandonare la partita lasciando a Google un accordo da 1 miliardo di dollari in cambio del 5% di Time Warner