In arrivo tre CPU Arrandale a 32 nanometri da Intel

Dopo aver introdotto tre processori quad core Clarksfield per notebook desktop replacement basati sulla microarchitettura Nehalem e realizzati a 45 nanometri, Intel è pronta per presentare le versioni a 32 nanometri.Le CPU Arrandale saranno disponibili entro il secondo trimestre del 2010, ma è probabile un “assaggio” durante il CES di Las Vegas il prossimo mese

Dopo aver introdotto tre processori quad core Clarksfield per notebook desktop replacement basati sulla microarchitettura Nehalem e realizzati a 45 nanometri, Intel è pronta per presentare le versioni a 32 nanometri.

Le CPU Arrandale saranno disponibili entro il secondo trimestre del 2010, ma è probabile un “assaggio” durante il CES di Las Vegas il prossimo mese di gennaio.

Come la controparte desktop nota con il nome in codice Clarkdale, anche Arrandale appartiene alla famiglia Westmere e integra sullo stesso package due die: una CPU a 32 nanometri e una GPU a 45 nanometri.

I tre modelli dedicati ai notebook ultrasottili basati su piattaforma Calpella saranno i seguenti:

  • Core i7-640UM: dual core, frequenza 1,2 GHz, prezzo 305 dollari; ;
  • Core i7-620UM: dual core, frequenza 1,06 GHz, prezzo 278 dollari;
  • Core i5-520UM: dual core, frequenza 1,06 GHz, prezzo 241 dollari.

I prezzo sono per lotti da 1000 unità, mentre le due CPU a 1,06 GHz dovrebbero differenziarsi per l’assenza della tecnologia HyperThreading nel Core i5-520UM. Per quanto riguarda i prezzi, Intel prevede circa 600-800 dollari per i notebook ultrasottili e circa 500 dollari per i netbook basati sulla piattaforma Pine Trail.

Intel continuerà comunque ad aggiornare la piattaforma Montevina, lanciando le CPU dual core Core 2 Duo SU9600, Core 2 Duo SU9400, Core 2 Duo SU7300, Pentium SU4100 e Pentium SU2300, e single core Celeron 743.

Ti potrebbe interessare
Quanto ci costa l’equo compenso?
Equo compenso

Quanto ci costa l’equo compenso?

Il decreto firmato dal ministro Bondi avrà ricadute dirette sul prezzo dei dispositivi e dei supporti digitali. I casi sono due: o diminuirà il margine per le aziende (non propriamente una buona prospettiva in questo momento), o aumenteranno i prezzi per i consumatori (ed anche questa non è una prospettiva luminosa). In ogni caso il

iPhone 3GS: problemi col rivestimento oleofobico?
Apple

iPhone 3GS: problemi col rivestimento oleofobico?

Non c’è pace per gli utenti di iPhone 3GS. Dopo l’allarme diffusosi sul Web sui problemi di riscaldamento e scolorimento del telefono, infatti, e dopo aver scoperto che almeno lo scolorimento non è colpa di Apple ma di alcune cover di scarsa qualità, ora è il caso di uno schermo compromesso dal rivestimento oleofobico. Al