ATI Eyefinity senza DisplayPort con l’adattatore Sapphire

Una delle caratteristiche più interessanti della serie Radeon HD 5000 di ATI è la possibilità di collegare fino a 24 monitor contemporaneamente in caso di configurazioni Quad CrossFireX.La tecnologia che permette ciò si chiama Eyefinity e sfrutta una versione particolare di scheda video dotata di sei uscite video di tipo DisplayPort.I modelli di schede dedicate

Una delle caratteristiche più interessanti della serie Radeon HD 5000 di ATI è la possibilità di collegare fino a 24 monitor contemporaneamente in caso di configurazioni Quad CrossFireX.

La tecnologia che permette ciò si chiama Eyefinity e sfrutta una versione particolare di scheda video dotata di sei uscite video di tipo DisplayPort.

I modelli di schede dedicate al settore desktop hanno invece due porte DVI dual link, una porta HDMI e una DisplayPort, che consentono di collegare fino a tre display.

Per attivare la modalità Eyefinity è necessario sfruttare tre uscite video, ma almeno una deve obbligatoriamente essere di tipo DisplayPort (DP). Quindi si possono usare le combinazioni DP-HDMI-DVI e DP-DVI-DVI.

Purtroppo esistono in commercio pochi monitor DisplayPort e sono comunque di fascia alta. Per questo motivo, Sapphire ha reso disponibile un adattatore attivo, alimentato da una porta USB, che permette di utilizzare la tecnologia Eyefinty con tre display DVI.

L’adattatore deve essere connesso all’uscita DisplayPort della scheda video e ad una porta USB, mentre il cavo DVI del monitor deve essere connesso al connettore DVI femmina dell’adattatore. Il prezzo di vendita non è stato ancora comunicato.

Ti potrebbe interessare
Roma, WiFi gratis al Colosseo e nelle aree archeologiche
Prezzi e tariffe

Roma, WiFi gratis al Colosseo e nelle aree archeologiche

Con il boom dei dispositivi mobili come smartphone e tablet PC siamo sempre alla ricerca di aree wi-fi possibilmente gratuite da cui collegarci per compiere le nostre attività in rete in mobilità, senza dover sempre sfruttare la rete mobile dei nostri gestori che si sa può non essere sempre disponibile o ben funzionante. Fortunatamente, da

Maroni: serve la censura per il terrorismo in Rete
Business

Maroni: serve la censura per il terrorismo in Rete

Roberto Maroni ne è convinto: il terrorismo internazionale si nutre dell’essenza della Rete perchè usa lo strumento per proselitismo, per il reperimento di capitali e per l’organizzazione interna. Si deve procedere con la censura dei siti estremisti