Turbo Boost anche per i Phenom II X6 di AMD

Tutti i processori Intel basati sulle microarchitetture Nehalem e Westmere, ad esclusione dei Core i3, integrano la tecnologia Turbo Boost che permette di incrementare la frequenza dei core utilizzati dalle applicazioni non ottimizzate per CPU multicore.Anche i prossimi Phenom II X6 (core Thuban) di AMD dovrebbero integrare una simile tecnologia per la gestione dinamica della

Tutti i processori Intel basati sulle microarchitetture Nehalem e Westmere, ad esclusione dei Core i3, integrano la tecnologia Turbo Boost che permette di incrementare la frequenza dei core utilizzati dalle applicazioni non ottimizzate per CPU multicore.

Anche i prossimi Phenom II X6 (core Thuban) di AMD dovrebbero integrare una simile tecnologia per la gestione dinamica della frequenza dei singoli core.

È ormai evidente il trend dei chipmaker, intenzionati a progettare processori anche a 8 e 12 core, ma sono ancora pochi i software che possono sfruttare l’aumento del numero dei core. La maggior parte, invece, trova giovamento dall’aumento della frequenza di clock.

Quindi, per ottenere le massime prestazioni possibili, i progettisti di CPU hanno implementato tecnologie per l’incremento dinamico della performance che disabilitano alcuni core e overcloccano gli altri.

La tecnologia di AMD, indicata come C-state performance boost, è completamente basata sull’hardware e funzionerà con ogni sistema operativo che supporta processori a sei core. Quando è necessario un aumento delle prestazioni per un’applicazione a singolo thread, Thuban disabiliterà tutti i core in idle e overcloccherà i core rimanenti fino al massimo livello consentito dalle specifiche termiche.

È probabile che la lettera T presente nel nome dei modelli previsti indichi proprio questa tecnologia. Non è noto invece se il performance boost sia compatibile anche con le schede madri AM2+.

Ti potrebbe interessare
Microsoft interviene alla conferenza di Copenaghen sul clima
Microsoft

Microsoft interviene alla conferenza di Copenaghen sul clima

Il mondo deve “agire ora” per fermare l’inquinamento e il riscaldamento globale, e la tecnologia dell’informazione può fornire soluzioni adatte. Queste sono le parole del Microsoft Chief Environmental Strategist, Rob Bernard, intervenuto alla conferenza di Copenaghen sul clima.Microsoft, quindi, vuole dare il suo contributo per aiutare il pianeta a salvarsi dall’inquinamento e sta prendendo parte

Lenovo sacrificherà il brand IBM
Business

Lenovo sacrificherà il brand IBM

Lenovo esce da una trimestrale d’oro e, forte delle proprie performance, decide di accorciare la transizione che porterà il brand del gruppo orientale a fagocitare completamente lo storico marchio IBM. Se ne va un pezzo della storia dell’informatica